Martedì, 21 Febbraio 2017 10:50

L'Azerbaijan ricorda il massacro di Khojaly. LE FOTO

Scritto da

Lunedì 20 febbraio, negli storici saloni di Palazzo Brancaccio, in Viale del Monte Oppio 7, a Roma, alle ore 19,00, in occasione del XXV Anniversario del Massacro di Khojaly, e' andato in scena per la prima volta in Italia lo spettacolo in musica e parole, "Dieci storie che potevano essere vere....".

L'evento è stato organizzato dall'Ambasciata della Repubblica dell'Azerbaigian in Italia, in collaborazione con l'Associazione Espressione d'Arte, con la direzione artistica di Pierluigi Ruggiero, violoncellista noto a livello internazionale, e musiche originali e adattamenti musicali di Giuliano Di Giuseppe, direttore di numerose orchestre italiane. Ad esibirsi insieme a loro, il violinista ungherese Zoltan Banfalvi e il chitarrista Luca Trabucchi. Voci narranti dell'evento sono stati gli attori Alessia Centofanti e Raffaello Mastrorilli che hanno recitato le storie tratte dal libro "Khojaly, 20 anni. 10 storie che potevano essere vere…..", autore della cui idea è Leyla Aliyeva, vice presidente della Fondazione Heydar Aliyev e  iniziatore della campagna internazionale "Giustizia per Khojaly!". 

Lo spettacolo, in un suggestivo alternarsi di musica e narrazione, ha voluto ricordare il destino delle vite mancate, ciò che sarebbe potuto accadere, se l'umanità fosse stata più clemente, o semplicemente giusta.

Numerosissimo il pubblico presente, composto da oltre 220 persone rappresentanti del mondo politico, diplomatico, accademico, imprenditoriale e dell'informazione. Notevole l'apprezzamento per lo spettacolo, per le storie e per le musiche originali, andate in scena per la prima volta in questa importante data.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Lago di Bracciano, cronaca di una morte annunciata

BRACCIANO (RM) - Continua l’agonia del lago di Bracciano. Poche gocce di pioggia cadute fra martedì e mercoledì non hanno portato alcun beneficio al livello del lago in lenta ma...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Roma. “La grande monnezza”, decalogo di un degrado da Oscar

Paolo  Sorrentino non ce ne voglia, ma il titolo del suo fortunato film non poteva non diventare il punto di partenza di una serie di calembour che giocano sulla rima...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208