DAMASCO - Più di 270mila morti, almeno la metà della popolazione costretta a lasciare la propria casa, un Paese in rovina. Partita cinque anni fa, la rivolta in Siria contro il regime di Bashar al Assad si è trasformata in una guerra devastante e devastatrice.

Published in Mondo

ROMA - Sulla base dell’analisi dei bombardamenti compiuti negli ultimi tre mesi dalle forze aeree siriane e russe contro ospedali e altre strutture mediche della zona nord della provincia di Aleppo, Amnesty International è giunta alla conclusione che si sia trattato di attacchi deliberati e sistematici per favorire l’avanzata delle truppe di terra.

Published in Diritti Umani
Sabato, 27 Febbraio 2016 10:09

Siria: scatta la tregua, tacciono le armi

DAMASCO - Fuìinalmente un po' di calma cala nelle regioni della Siria controllate dai ribelli e dal regime, dopo l'entrata in vigore alla mezzanotte del cessate il fuoco promosso da Washington e Mosca, e appoggiato dalle Nazioni Unite.

Published in Mondo

DAMASCO -   Il governo di Damasco ha accettato i termini dell'accordo di cessate il fuoco annunciato ieri da Stati uniti e Russia, secondo quanto si legge in un comunicato del ministero degli Esteri siriano.

Published in Mondo
Domenica, 21 Febbraio 2016 18:59

Bagno di sangue in Siria. Kerry parla di tregua

DAMASCO  - Ancora sangue in Siria, dove almeno 88 persone sono rimaste uccise in attentati condotti in zone controllate dal governo siriano, Homs e la capitale Damasco.

Published in Mondo

ROMA - Sembra proprio che sia stato raggiunto un accordo sulla crisi siriana, per cui le ostilità potrebbero finire entro pochi giorni e l’Onu potrebbe avviare una task force per gli aiuti umanitari.

Published in Mondo

MILANO  – Il 12 febbraio è la Giornata Internazionale contro l’utilizzo dei bambini soldato. E’ stato proprio in questo giorno del 2002, la data in cui è entrato in vigore il Protocollo opzionale alla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, riguardante l’uso dei minori nei conflitti arma

Published in Diritti Umani
Mercoledì, 20 Gennaio 2016 14:56

Iran e Arabia Saudita: la nuova guerra fredda

ROMA - Iran e Arabia Saudita sono due paesi che fanno ampio ricorso alla pena di morte: solo nel 2015 le condanne alla pena capitale sono state 157 in Arabia Saudita e più di mille in Iran. Le somiglianze tra i due paesi non si fermano certo qui: le loro leggi sono basate sul Corano, il clero musulmano gode di straordinario potere e privilegi eppure proprio una condanna a morte ha segnato una profonda spaccatura tra i due paesi.


L’uccisione di Nimr al-Nimr

Lo scorso 2 gennaio in Arabia Saudita sono state condannate a morte 47 persone, tra cui Nimr al-Nimr, leader religioso sciita, accusati di avere legami col terrorismo. L’Iran ha condannato l’esecuzione di al-Nimr e l’ambasciata saudita a Teheran è stata attaccata dai manifestanti iraniani. L’Arabia Saudita, con l’appoggio di altri paesi sunniti come Kuwait, Bahrein, Emirati Arabi Uniti e Sudan, ha allora interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran.

Ma perché l’Iran dovrebbe vendicare l’uccisione di un cittadino di un’altra nazione? E’ opportuno precisare che l’Iran è un paese a maggioranza sciita, da anni rivale dell’Arabia Saudita, a maggioranza sunnita. Vendicare la morte di Nimr al-Nimr è un’occasione per affermarsi agli occhi del mondo come protettore degli sciiti, ormai in netta minoranza rispetto ai sunniti.

islam_nel_mondo_820.jpg

Le origini del conflitto

Negli anni Settanta l’Iran era governato dallo scià Mohammad Reza Pahlavi, alleato degli Stati Uniti e l’Arabia Saudita stava avviando una rapida modernizzazione di paese e costumi a seguito del boom petrolifero.

Nel febbraio 1979 il regime autoritario iraniano fu rovesciato da una rivoluzione capeggiata da religiosi conservatori e ribelli, oppositori della dittatura. Nello stesso anno, in Arabia Saudita un gruppo di estremisti religiosi occupò la Grande Moschea della Mecca protestando per l’eccessiva occidentalizzazione che il paese stava assumendo. Dopo giorni di combattimento atti a sedare la rivolta, l’esercito saudita riprese possesso della moschea, l’Iran si trasformò in una teocrazia islamica e la monarchia degli al Saud in Arabia Saudita consegnò ingenti capitali di denaro e potere al clero sunnita, sperando che questa strategia gli consentisse di non replicare la deposizione dello scià iraniano.

Sciiti e sunniti, che prima erano amalgamati nella società, cominciarono ad essere rivali e anche nei regimi sunniti più laici, ogni sciita veniva visto come un potenziale pericolo. 

I benefici dell’Isis e i conflitti interni

Oggi, questo conflitto sembra beneficiare l’Isis, che fa leva proprio sulle divisioni tra sciiti e sunniti per destabilizzare le popolazioni locali. Inoltre, solo tre mesi fa Iran e Arabia Saudita si erano sedute allo stesso tavolo a Vienna per discutere del processo di pace in Siria, che ora rischia di essere vanificato. 

In Yemen, le coalizioni saudite combattono contro gli Houthi, sciiti yemeniti appoggiati dagli iraniani; in Kuwait gruppi affiliati all’Isis hanno compiuto attentati ai danni degli sciiti e parte del Libano è sotto il controllo degli Hezbollah, anch’essi sciiti.

In Iraq invece già dal governo del primo ministro Nuri al Maliki sono state adottate politiche discriminatorie contro i sunniti, proprio questo processo, che ha trovato il suo terreno fertile nell’Iraq occidentale a maggioranza sunnita, ha fatto sì che l’Isis potesse proliferare.

In Siria gli alauiti, una minoranza sciita di cui fa parte il dittatore Assad, combattono i sunniti. 

Il nuovo scenario geopolitico

Ma non sono solo Arabia e Iran a essere cambiati. Anche gli Stati Uniti, storici alleati dell’Arabia, hanno criticato il regime saudita a seguito dell’esecuzione di al-Nimr. Del resto, i rapporti tra i due paesi si erano già deteriorati nel 2011 quando il governo americano aveva deciso di non sostenere il regime di Mubarak durante le primavere arabe.

Un conflitto aperto tra Arabia Saudita e Iran sembra essere poco probabile ma sicuramente, l’attuale spaccatura politico-religiosa e il non schieramento degli Stati Uniti cambiano gli scenari di una situazione geopolitica che sembra non avere compimento.

 

 

Published in Mondo

NICOSIA - Nel 2015 sono stati piu' di 55.000 coloro che hanno perso la vita a causa del conflitto in Siria: lo ha reso noto l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell'opposizione non radicale in esilio con sede a Londra, secondo cui il totale in piu' di quattro anni e mezzo dallo scoppio della crisi, nel marzo 2011, ha cosi' raggiunto 260.758 unita', malgrado quest'anno il bilancio complessivo abbia fatto segnare una sensibile riduzione rispetto al 2014, per la precisione 55.219 contro 76.021.

Published in Diritti Umani

ROMA - E' Natale. La festa più simbolica della nostra civiltà. Si intrecciano tematiche potenti e rivoluzionarie che è bene non lasciare sullo sfondo rispetto ad una tradizione che, arricchendosi di nuovi aspetti, rischia di sbiadirne l'essenza.

Published in Il punto

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]