SETTE STORIE PER FARE LA CACCA è il nuovo libro di Valeria Moretti edito da Didattica Attiva: una raccolta di racconti per bambine e bambini nella fase cruciale del vasetto. Ora vengono presentate al pubblico da Simona Marchini il 31 marzo alle ore 18,30 a Roma alla Galleria La Nuova Pesa,  Via del Corso 530.

Published in Letteratura

Quando capisci che l’intero sistema è facilmente controllato, in un modo o nell’altro, da una ristrettissima élite, non avrai bisogno che qualcuno ti spieghi come nascono i periodi di inflazione e deflazione.  James A. Garfield, ventesimo presidente degli Stati Uniti d’America

Published in Il libro

ROMA - Qual è la differenza tra subire e reagire di fronte al più dolente fra gli imprevisti? Il dramma di chi, pur soffrendo, non si rassegna mai. Neanche alla morte. Quanto è bello sognare a occhi aperti, rimettere tutto in discussione: sentimenti, rapporti, l’amore, e non dare nulla per scontato.Non è questo il sale della vita?

Published in Il libro
Sabato, 20 Febbraio 2016 09:17

Libri. Teoria e pratica degli uffici stampa

ROMA - Le relazioni con i media non sono facili. Le incomprensioni sono dietro l’angolo. Istituzioni, imprese e mezzi d’informazione hanno – il più delle volte – punti di vista diversi o contrapposti. E non sempre hanno l’esatta percezione di cosa può interessare un giornale. Le redazioni dei media, dal loro osservatorio, sono in agguato per cogliere il punto debole di una notizia che ha origine in una istituzione o in una azienda.

Published in Il libro

“La corsa porta un messaggio. Quando non viene espresso prima di partire, viene spesso colto lungo la strada…E quando arriva, allora il tuo passo diventa lucido” Daniele Baranzini


Prossimamente in libreria! Ultramaratoneta: analisi interminabile di Matteo Simone e Daniele Baranzini. Questo libro esprime il senso o il “non senso” della corsa nelle lunghe distanze, il concetto della corsa per molte ore o per tanti chilometri. Daniele scrive la sua vision onirica della corsa lunga e Matteo la cerca nelle parole dei suoi racconti. Matteo è l'archeologo, Daniele è l'antica città dei sogni. Il mondo dell'ultramaratona, viene "visitato" da Matteo come un interprete delle storie vissute da un attore che corre, Daniele. 

Daniele e Matteo dialogano a distanza sul quello che è il senso dell'ultramaratona: la lunghezza, il tempo, la fatica, la gioia, il dolore, per alcuni anche una “lucida pazzia”. Daniele è pura corsa, senza corsa non può esistere. E alla fine questo ragazzo diventa corsa infinita e interminabile, l'ultramaratona. 

Il percorso intrapreso da Matteo è interminabile, come il titolo di quest'opera. Daniele è semplicemente uno strumento, uno dei tanti...che accoglie nella sua corsa i desideri e la forza vitale di tutti quelli che provano l'avventura della corsa nelle lunghe distanze.

A Daniele piace giocare, con le parole, con l’azione, con i pensieri, è una sorta di giocoliere equilibrista che riesce sempre a cavarsela, a restare integro, a sgattaiolare da ogni situazione che sta per diventare intrappolante, pericolosa, esageratamente al limite. Questo suo adattarsi lentamente e gradualmente al limite gli permettono di osare, cavandosela sempre con una sorta di sorriso rivolto a se stesso, agli altri, al mondo intero. E’ come sfidare la morte, l’ignoto, lo sconosciuto, cercando di avvicinarsi il più possibile per prenderne confidenza,

La motivazione ad essere ultramaratoneta è la scoperta del mondo da un punto di vista privilegiato afferma, in effetti attraverso le sue esperienze estreme ha modo di contattare sensazioni forti e diversificate che nutrono la sua voglia ingorda, insaziabile di sensazionalità.

Sperimenta abitualmente l’esperienza del limite nelle sue gare: “Il limite fisico l’ho superato, ho una specie di capacità di dissociazione tra vie del dolore e stato di consapevolezza, le riesco a separare, ma è un’arma a doppio taglio, perché si può morire.  Il limite umano non sono mai riuscito a passarlo, solo allucinazioni e basta.”

Daniele racconta dei suoi passi, percorsi, chilometri. Si perde per ritrovarsi, per scoprire, per notare paesaggi ma anche e soprattutto il suo paesaggio interiore. Ha scoperto questa modalità di correre infinitamente per scoprirsi, per incontrarsi con se stesso. simone-baranzini_fronte_3d.jpg

“La prefazione a cura della Prof.  ISA MAGLI, riporto alcuni passi: Sono enucleate le massime e le minime sensazioni che si provano nel praticare questo sport e la voglia di correre che viene inculcata anche in altri, per trovare stimoli e motivazioni, atti ad emozionarsi e, quindi, a realizzarsi.

Daniele volge la sua mente a qualche chilometro di corsa per allenarsi, riesce ad essere performante al lavoro e a fantasticare, pregustando la piacevolezza della corsa per scoprire ambienti nuovi e, in particolare, provare sensazioni personali interiori (come il respiro più forte, il cuore che batte) sebbene la stanchezza e la fatica lo gravino.

Visioni peculiari dell’ultramaratoneta sono strade, percorsi, sudore, fatica, amici ed avversari di gare che lo aiutano ad andare avanti e ad affrontare situazioni sempre più difficili.

 Anche il suo estro poetico occupa una parte importante nel momento in cui in forma diaristica compone liriche pertinenti la competizione.

Sebbene abbia sopportato momenti di panico, paura, incertezze con rischi, pericoli e problemi di salute, tuttavia, apprezzando ancor di più la vita e rafforzandosi nella resilienza è pronto a rialzarsi e a ricominciare consapevole del suo passato, l’avventura con la corsa, perché in tal modo si sente vivo, attivo e con approccio meditativo.”

L’intento di questo libro è di illustrare l'ultramaratona, un particolare vissuto di sport a volte considerato estremo, ai limiti della umana ragionevolezza.

L’opera è una sorta di fantastico saggio poetico. L’intento degli autori è di illustrare un particolare vissuto di sport a volte considerato estremo, ai limiti della umana ragionevolezza. L’opera è frutto di una sorta di dialogo e corrispondenza tra i due autori. Daniele Baranzini si racconta attraverso la sua pianificazione e progettazione di lunghe gare da interpretare e portare a termine e Matteo Simone, come un archeologo, cerca di entrare nella psiche di Daniele alla ricerca di un senso.

 

Published in Sport

ROMA - Alcuni racconti sono circolari, morbidi, nonostante si affianchino ad argomenti spinosi. 

Published in Il libro

“Beatrix” è uno dei romanzi meno conosciuti di Honoré de Balzac ma, se non ci si stanca delle sue digressioni prolisse anche se bellissime, assolutamente godibile.

Published in Il libro

TORINO - Giuseppe Culicchia  è uno scrittore che vive a Torino. Molti ricorderanno il suo primo romanzo “Tutti giù per terra”, edito da Garzanti e insignito dei prestigiosi premi Montblanc nel 1993,  Grinzane Cavour  Esordienti nel 1995.

Published in Letteratura

Pubblicato per la prima volta nel 1950, terzo romanzo di Yukio Mishima, “Sete d’amore” è pervaso di quello straziante erotismo che caratterizza il grande scrittore giapponese. 

Published in Il libro

Due racconti nei quali il grande scrittore disserta sul senso dell’arte e sulla fama del presunto artista che non sempre corrisponde al valore reale

Published in Il libro

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]