Giovedì, 11 Dicembre 2014 19:16

Formazione giornalisti. Cinegiornalismo e (non) regole nel web

Scritto da

ROMA  - Bisogna riconoscere che l’obbligo recentemente introdotto dal legislatore  ai corsi di formazione giornalistica,  che molti addetti ai lavori sentono come una imposizione, ha i suoi aspetti positivi.

A fatica, i giornalisti si incontrano, dibattono,  apprendono, fanno il punto della situazione su temi che altrimenti sarebbero rimasti nell’ombra, temi la cui mancanza di riflessione non li avrebbe condotti al passo con i tempi.

La deontologia nel giornalismo cinematografico. Lavorare nella rete: le scelte e le (non) regole sul web” è stato l’interessante corso di aggiornamento dei giornalisti professionisti e pubblicisti tenutosi a Roma, su un argomento le cui conoscenze e indicazioni sono in fase evolutiva.  Un tema nuovo che ha visto il contributo di Laura Delli Colli, Presidente del SNGCI – Sindacato nazionale dei giornalisti cinematografici italiani - ; Franco Montini Presidente del  SNCCI - Sindacato Nazionale Critici Cinematografici; Cristiana Paternò (SNCCI): Stefano Amodio (SNGCI); Antonello Sarno (SNGCI).  

Appena pubblicato in rete, il corso di aggiornamento aveva riscosso un gradimento tale da essere sold out dopo un’ora per numero di iscritti. Duecentosessanta persone adesso sono in attesa di seguire il prossimo, a febbraio. Cosa succede? Troppo facile argomentare che, essendo obbligatori , questi corsi vengono seguiti obtorto collo. In realtà si è avviato un iter che porta a nuove conoscenze e a fare il punto su una situazione che, in un periodo di cambiamenti celeri, chi non segue e si ferma, è perduto.

Laura Delli Colli ha riassunto il mare magnum della fauna giornalistica: dagli esemplari in pensione, “il carrello dei bolliti che bolliti non sono e si impegnano in mille cose”,  ai precari, che sono tali anche per decenni. Negli ultimi sei mesi – ha detto la Delli Colli – abbiamo perso 630 posti di lavoro nel settore, più di cento posti al mese. Insomma, quella che fu un tempo una professione aulica e prestigiosa, oggi non gode di ottima salute. La Delli Colli ha elencato ventinove codici deontologici, affermando che non ci sono regole ferree per il web, che non esiste una carta deontologica del giornalismo dello spettacolo, ma possono essere utilizzate le regole valide per la carta stampata e, soprattutto, quelle dettate dalla nostra etica interiore.

Attraverso i numerosi interventi di reporters della carta stampata, del web e degli uffici stampa, è apparso chiaro come la rete oscilli tra la considerazione conferitagli dal grande utilizzo  e il pregiudizio che  relega i suoi cronisti in serie B. Un dibattito acceso che riproduce l’aria del tempo,  solleva interrogativi e richiede capacità di adattamento. Per dirla con Laura Delli Colli: “L’ingresso del web nel giornalismo ha cambiato il modo di lavorare”.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077