Lunedì, 23 Novembre 2015 17:42

Pratyahara, il ritiro dei sensi

Scritto da

Continua il nostro viaggio nell'ashtanga yoga di Patanjali attraverso un bellissimo percorso che, prima, si prende cura delle nostre abitudini e del nostro sentire, poi si dedica al corpo e procede andando più in profondità per prepararsi al meglio alla meditazione che porta alla liberazione.

Così, prima di arrivare a meditare, cominciamo col cercare di portare tutti i sensi all'interno.

Il sutra 54 del capitolo 2 ci dice che dobbiamo ritirare la mente dagli oggetti dell'esperienza sensoriale.

Olfatto, vista, gusto vengono percepiti non più come sensi, ma come qualcosa di più profondo, di più interno.

Un aiuto ci viene sempre dal respiro che piano piano ci guida verso una percezione più interna portandoci, in seguito, ad aumentare sempre più la concentrazione dharana).

C'è una bellissima posizione che rappresenta perfettamente il senso di pratyahara ed è Kurmasana la tartaruga.

Provate anche voi:

Seduti a terra portate le piante dei piedi a contatto lasciando cadere le ginocchia in apertura.

Infilate le mani all'interno delle gambe e poi prendete i piedi con le mani che terrete in posizione di preghiera, abbandonate la testa e rimanete portando il respiro sempre più all'interno finché diventerà sottile, silenzioso quasi immobile. Allora tutto il corpo sarà completamente fermo e la mente, ritirati tutti i sensi all'interno, si calmerà, così come la tartaruga, ritirandosi all'interno del suo carapace, ritrova la tranquillità e il senso di protezione da tutto ciò che c'è all'esterno.

Il ritiro dei sensi è un qualcosa che col tempo potrete sperimentare in tutte le posizioni.

Come dire che con il corpo siete lì, sul vostro tappetino, ma con la mente siete molto più all'interno e non vi preoccupate più di vedere la posizione da fuori, bensì di percepirla in profondità per godere appieno degli effetti sul piano fisico, mentale e spirituale.

A presto

Om

Sara

Sara Amoriello

Insegnante di Yoga

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077