Martedì, 24 Settembre 2013 12:00

Nessuno tocchi Nardò

Scritto da Susi Ciolella

Nel 2011 a Nardò, circa 400 braccianti di origine africana, fecero il primo sciopero autorganizzato in Italia di lavoratori stranieri contro lo sfruttamento basato sul caporalato.

Oggi a Nardò si continua dormire tra gli ulivi, stesi sulla nuda terra o su materassi sudici.
Oggi a Nardò si continua a sperare una vita degna di essere vissuta.


"Nessuno tocchi Nardò "
e' la parola d'ordine del caporalato e dello sfruttamento.

Nessuno tocchi Nardo' e'anche il monito di una terra assetata di legalità.

La nuda terra
è madre
che accoglie
i corpi
ammassati
sui materassi

nel buio profondo
braccia forti
legate come rami di ulivo
sorreggono
l’umanità degli ultimi

la nuda terra
è madre che abbraccia

ascolta
il disperato pianto
dei suoi figli
nel silenzio della notte senza luna

e poi racconta
la dignità
seme di coscienza
dei campi di Nardò

In questa categoria: « Thermos Dopo il corteo »

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]