Martedì, 24 Settembre 2013 12:00

Nessuno tocchi Nardò

Scritto da Susi Ciolella

Nel 2011 a Nardò, circa 400 braccianti di origine africana, fecero il primo sciopero autorganizzato in Italia di lavoratori stranieri contro lo sfruttamento basato sul caporalato.

Oggi a Nardò si continua dormire tra gli ulivi, stesi sulla nuda terra o su materassi sudici.
Oggi a Nardò si continua a sperare una vita degna di essere vissuta.


"Nessuno tocchi Nardò "
e' la parola d'ordine del caporalato e dello sfruttamento.

Nessuno tocchi Nardo' e'anche il monito di una terra assetata di legalità.

La nuda terra
è madre
che accoglie
i corpi
ammassati
sui materassi

nel buio profondo
braccia forti
legate come rami di ulivo
sorreggono
l’umanità degli ultimi

la nuda terra
è madre che abbraccia

ascolta
il disperato pianto
dei suoi figli
nel silenzio della notte senza luna

e poi racconta
la dignità
seme di coscienza
dei campi di Nardò

In questa categoria: « Thermos Dopo il corteo »

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]