Sabato, 12 Ottobre 2013 15:41

Fine della Storia

Scritto da Paolo Pietrini

Un filosofo illustre ha scritto 

il necrologio a pagamento.    

Concetti densi, frasi eleganti, 

informa che è morta la Storia 

e resta soltanto Wall Street.

Mister Dollaro, il committente 

padrino del mondo, ha fissato

funerali colorati su tutte le tv.

Devo darne notizia agli amici 

pendolari che sonnecchiano 

con me nei vagoni del mattino 

alla musica dura delle rotaie. 

Devo dirlo ai lavoratori precari,  

ai dipendenti senza contratto,

ai cassintegrati senza futuro,  

ai disoccupati senza speranza,    

ai pensionati senza sostegno,

agli studenti senza insegnanti,

agli insegnanti senza lezioni,

agli ammalati senza assistenza,  

agli immigrati senza diritti,

agli affamati senz’acqua e pane, 

ai disperati del mondo in pace

uccisi dalle bombe intelligenti. 

Devo farlo sapere a mio padre 

sulla spiaggia dei più: ripeteva 

sicuro che la Storia non muore    

fin che vivono servi e padroni.  

Parole povere, frasi scontate, 

sosteneva, testardo e cocciuto,  

che la Storia non rammenta 

i falsi necrologi a pagamento     

ma ascolta sempre con noi

la musica dura delle rotaie.  

 

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077