Menu
Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

PARIGI - Parigi se la passa male, almeno per quel...

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

TARANTO - (AdnKronos) - Sono stati confermati gli ergastoli per Cosima...

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

Tona in scena dopo trent’anni, grazie a Walter Pagliaro, al...

Lavoro: meglio disoccupato che postino

Lavoro: meglio disoccupato che postino

TERAMO - ''Su 100 persone selezionate per il ruolo di...

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

BOLOGNA - Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, durante la puntata...

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

BAGHDAD - Le forze irachene hanno "bonificato" un'area di 60 chilometri...

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Ci voleva il genio eclettico di Andrea Scanzi per riportare...

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel 2015 sono stati licenziati 280 “furbetti” 

Prev Next

Argentina. La morte di Nisman scatena la piazza. LE FOTO

Argentina. La morte di Nisman scatena la piazza. LE FOTO

In migliaia manifestano al grido: "siamo tutti Nisman"

BUENOS AIRES (corrispondente) - La notizia della morte del procuratore Alberto Nisman in Argentina ha scatenato la rabbia della gente che si è riversata nelle strade principali marciando tra le grandi arterie di Buenos Aires per tutta la notte. Al grido di siamo tutti Nisman i manifestanti hanno voluto dissentire dalle voci che vogliono far credere al suicidio di Nisman. Le accuse sono tutte rivolte al presidente Cristina Fernandez Kirchner, accusata proprio dal procuratore per aver coperto il coinvolgimento dell'Iran nell'attentato a un centro ebraico nel 1994.

Le manifestazioni, convocate attraverso i social media, hanno visto migliaia di persone radunarsi a Plaza de Mayo e in altre zone di Buenos Aires, oltre a molte molte citta' come Mendoza, Salta, Cordoba e Santa Fe.
Con lo slogan "Yo soy Nisman" che fa il verso al "Je suis Charlie" di solidarieta' alle vittime della strage di Parigi, i manifestanti hanno urlato e battuto coperchi e pentole (i tradizionali "cacerolazos") per chiedere che sia fatta piena luce sulla morte di Nisman. Molto gettonato anche l'hashtag 19E (19 gennaio), dalla data del decesso del magistrato.
La Kirchner si trova sotto assedio dopo la morte sospetta di Nisman, anche se le indagini preliminari hanno riferito che la porta della stanza in cui e' stato trovato il magistrato era chiusa dall'interno ad avvalorare l'ipotesi di un suicidio.

VIDEO DI ALDO FEROCE

FOTO DI ALDO FEROCE

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208