×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/RIFUGIATI

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/RIFUGIATI

Mercoledì, 28 Gennaio 2015 21:29

Reportage. Creando riciclando. L'arte dei rifugiati Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Piazzale della Montagnola a Roma, migranti provenienti dell'Africa ( rifugiati e richiedenti asilo) da anni sono riuniti nel progetto Refugee scart.

Ovvero, attraverso il riciclo di materiali dalla  plastica, carta e gomma creano dando nuova vita ad oggetti. L'arte dei rifugiati come modello di crescita economica e sociale attraverso il recupero. Situato nel polo della solidarietà dell'AMA, la onlus   da anni cerca di dare nuove risposte al modello del trattamento dei rifiuti. Si va, dalla creazione di borse, portafogli, sacche..ecc, sono questi i prodotti realizzati che ogni giorno della settimana vedono impegnati i ragazzi del progetto Refugee scart.

Foto di Giuseppe Matese

{gallery}RIFUGIATI{/gallery}

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077