Marco Marian

Marco Marian

Mercoledì, 08 Giugno 2016 09:45

Disordine (Seconda parte)

Il sistema però come le macchine è stupido, non è dotato di intuizione come ancora pochi esseri viventi lo sono. Non si preoccupa del fatto che ci possano essere degli individui che vivono nella clandestinità delle sue regole e si alimentano di esso per aumentare il loro odio nei suoi confronti.

Sabato, 21 Maggio 2016 16:04

Disordine (Prima parte)

La totale disinformazione, l'esclusione sociale dovuta alla sua situazione, le zero risorse di cui poteva disporre, portarono Sil ad un odio sempre più aspro per il mondo a lui circostante. Nella situazione di estremo degrado etico e materiale in cui la società si trovava, nessuno protestava per i propri diritti. Non c'erano concentrazioni di piazza, tafferugli, scontri, rivendicazioni. La rabbia popolare non esisteva; nessuno più lottava.

Mercoledì, 04 Maggio 2016 10:08

Un segreto (seconda parte)

Sil dove poteva rifugiarsi se non in se stesso? Non voleva essere, non voleva stare, non voleva rimanere....

Giovedì, 07 Aprile 2016 17:56

Un segreto (Parte prima)

C'era da lavorare per trasferirsi al più presto nella nuova casa, quella vecchia sarebbe venuta a giorni. Intanto Sil era immerso nelle sue letture. Voleva diventare uno scrittore.

Domenica, 20 Marzo 2016 20:30

Squat (Seconda parte)

Prima del grande passo voleva tenere sotto controllo la situazione, vedere se c'era qualcuno che si fosse accorto del lucchetto.

Giovedì, 03 Marzo 2016 17:11

Squat (Prima parte)

“C'è nessuno? Ehi tu ci sei?” domandò una voce scortese alla porta gridando e bussando. Tebra intanto si fiondò all'entrata e abbaiando non vedeva l'ora di vedere chi stesse molestando il suo migliore amico.

Lunedì, 08 Febbraio 2016 13:28

Ingranaggi (Seconda parte)

Ma nell'aria Sil e Lucia notavano l'inquinamento di un'invidia, di un'asprezza nei confronti dell'altro, che quelle cose che respirano hanno verso i loro compagni di falsa esistenza. Loro per esempio in confronto a questi oggetti erano liberi, non totalmente, ma liberi nel vero significato della parola. Il criticare quelle cose che camminavano tutti i giorni, il ricordarsi che quella non era vita, il disprezzare gli usi e costumi di quelle cose, il cercare non di essere fuori dal coro ma di evidenziare le cose del coro, li faceva sentire liberi.

Lunedì, 25 Gennaio 2016 23:19

Ingranaggi (Prima parte)

Televisione, media, giornali, telegiornali, radio, cinema, internet, tutti questi mezzi, i soli per una comunicazione (che non comunica, obbliga all'ascolto) globale rapida e ad effetto, sono al servizio del capitale. Tutto è pubblicità, propaganda, illusione, mascheramento della realtà dei fatti, costruzione di una realtà illusoria ma che rappresenta quella di ogni individuo che si trova a crescere sotto l'influenza obbligatoria di questi mezzi sofisti.

Mercoledì, 13 Gennaio 2016 17:03

Il colloquio (parte seconda)

Intanto il mese stava finendo; le bollette, anche se poche, e l'affitto andavano pagati. La padrona di quel buco già si aggirava per il palazzo quei giorni per riscuotere anche dagli altri inquilini.

Venerdì, 11 Dicembre 2015 07:59

Il colloquio (Parte prima)

Suona il cellulare scassato, dall'altra parte dell'apparecchio c'è una voce di una signora, signorina, dal tono alquanto idiota che propone a Sil un colloquio per il giorno seguente alle ore 12. Sil un po' a malincuore risponde che sarebbe andato ma in realtà non ne aveva nessuna voglia. Passato per il bar per vendere un cinquantino se ne torna a casa a fumare un po' per rilassarsi e a bersi una meritata birra da sessantasei rigorosamente del supermercato.

Pagina 1 di 4

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

artemagazine.jpg

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077