È una calda mattinata estiva in Cornovaglia, quando la ventiduenne Lucy Entwhistle fissa la scogliera al di là del cancello della casa in cui si trova per le vacanze. Il suo adorato padre è morto improvvisamente da sole tre ore e uno stato di inspiegabile e soporosa indifferenza l’attanaglia, impedendole qualsiasi emozione, inclusi il dolore e la disperazione che si sarebbe aspettata di provare.

Published in Il libro

“La vedova Couderc” di George Simenon è molto più che un ipnotizzante e mero poliziesco.

Published in Il libro

La casa editrice Sellerio pubblica in Italia per la prima volta “Albert Savarus”, bellissimo feuilleton di Honoré de Balzac, edito nel 1842 inizialmente a puntate sul “Siècle” e poco dopo nel primo volume della “Commedia umana”.

Published in Il libro

“La figlia di Eva” – questo il titolo che dà Faligi editore al racconto di Honoré de Balzac, altri lo individuano come “Una figlia di Eva” – è la storia dell’educazione di due sorelle Marie-Angelique e Marie-Eugénie, vissute nell’ambiente altolocato di Parigi agli inizi del diciannovesimo secolo.

Published in Il libro

Scrivere di morte fa sempre attualità, specialmente in questi giorni dove tutti fanno a gara nel misurarsi in sentimenti di umanità senza confini.  La notizia veloce e bombarola che piace tanto ai giovani capaci di condividere piatti di pasta, feste e atti osceni ha bruciato ogni senso pudico e ha succhiato senza pietà ogni possibilità d’immaginazione. Così siamo sbattuti, pubblicati, deturpati e decapitati con una bella tutina rossa in nome dell’Internet – l’unico vero Dio che tutti adorano.

Published in Note fuori dalle righe

Di Gianmaria Tesei

TAORMINA (nostro inviato) Un importante momento letterario ha contraddistinto Taomoda, manifestazione che unisce la moda, il design, la cultura e l’arte in un insieme armonico a gradevole.

L’ideatrice del “Caffè letterario” Maria Teresa Papale, ha moderato un incontro, con l’ausilio di una Catena Fiorello interessante conduttrice, coinvolgendo il pubblico nelle intime visioni di tre autori: Manuela Diliberto, Roselina Salemi, Michele Torpedine.

La scrittrice palermitana Manuela Diliberto, autrice de “L’oscura allegrezza”, ha evidenziato come l’essere umano debba sempre cercare in sé la propria collocazione interiore e come nel suo libro emerga “il senso di responsabilità”, che nei personaggi si traduce nell’interrogarsi sul vero comprendere e il giusto agire: caratteristiche che hanno segnato Borsellino, scomparso proprio il 19 luglio del 1992. La Diliberto, autrice e archeologa, ha spiegato di avere vissuto, quasi in modo diretto i tragici momenti del 1992. Dai quali emerge anche la sicilianità positiva di cui essere fieri. Come ha affermato Catena Fiorello, i protagonisti del libro sono una sorta di “perifrastica attiva”, un continuo accostarsi per diventare coppia per poi realizzare un amore diverso da quello che si poteva presumere. Il libro riesce a farci vivere un tratto importante della storia italiana, rendendo leggero il romanzo storico sviluppato con grande abilità in un arco di 560 pagine. La scrittrice ha poi aggiunto come l’arte, in una famiglia come la sua, si respirasse appieno attraverso la figura del padre Maurizio, noto regista e assiduo frequentatore del festival del cinema di Taormina. Il noto Pif – con il quale ha un rapporto di stima e complementarietà - è suo fratello. L’autrice, che vive da anni a Parigi, definisce la scrittura come un elemento in lei innato. 

L’evento è proseguito con Roselina Salemi e il suo “Mariti inutili”, sorta di prontuario sui mariti imperfetti e sulle mogli che, nonostante tutto, desiderano tenerseli stretti in vari modi. Il tutto redatto con un velo di sorriso e ironia, venate da un’amarezza di fondo per i problemi legati al vivere assieme, al logorio quotidiano, al ruolo maritale che col tempo, per essere accettabile, paradossalmente si giustifica solo se connesso a una qualche funzione e utilità.

Michele Torpedine, che si è detto contrario ai talent televisivi, ha discusso del suo “Ricomincio dai tre”, dove ha narrato le vicende che l’hanno legato al mondo della musica, come batterista prima, e poi manager di talenti internazionali come Bocelli, da lui scoperto, Zucchero, il Volo, Gino Paoli, solo per citarne alcuni. Questo libro nasce dalla necessità dell’autore di fare chiarezza su quelle che ritiene menzogne dette sulla sua persona. Il testo si basa anche sul valore della riconoscenza (nel libro l’agente dello spettacolo menziona Jovanotti che ringrazia sempre Cecchetto che l’ha lanciato), che a lui è mancata da parte di Zucchero, con il quale ha avuto un rapporto fatto di momenti di sintonia ma conclusosi malamente. Decisamente migliore quello con Gino Paoli, cui deve i suoi esordi da agente e la sua affermazione e del quale è stato batterista. In un momento non particolarmente brillante della carriera di Gino Paoli, Torpedine ha detto come abbia saputo dare nuova linfa all’attività dello stesso cantante, creando la tournée con la Vanoni. Torpedine ritiene che il livello attuale degli artisti musicali sia basso perché caratterizzato da personaggi e non talenti puri. 

A conclusione si è approfondita la triste realtà che spesso vede i talenti artistici e la cultura poco tutelati in Italia (al contrario, ad esempio, di ciò che accade in Francia), paese che invece dovrebbe essere l’esaltazione dell’arte sotto ogni aspetto e forma.

Published in Life & Style

Mercoledì 8 agosto la serata di apertura in Piazza Duomo. “Segni di Ri-Conoscenza” è il tema della XVI edizione

Published in Letteratura

Si è conclusa la prima fase del concorso Premio Franco Solinas 2018 caratterizzato dall’invio di un Soggetto.

Published in Letteratura

IL DIRITTO / IL ROVESCIO L’inesauribile corrente delle parole. La malleabilità delle parole. Parole necessarie, parole superflue  Parole vere, parole ingannevoli

Published in Letteratura

Dal 15 al 18 marzo attesi a Roma 300 scrittori e 130 incontri.  In 9 anni circa trecentomila partecipanti alla manifestazione 

Published in Letteratura
Pagina 1 di 41

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Poesia

Miserere (l'umanità degli ultimi)

Ho visto un uomo rovistare tra i cassonetti Le mani colorate di miseria 

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

L'anima oziosa

Nell’anima mia infingarda si annida insaziabile l’orda sfrenata dei desideri.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

Pazzie d’amore

Nel 1978 Claudio Scimone e i Solisti veneti presentarono a Verona, in occasione del trecentenario della nascita di Antonio Vivaldi, l’Orlando Furioso con un cast eccezionale.Tre dischi che fecero storia...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Festival di Cannes

Cannes 71. Il 25 ottobre esce “Angel face”. Recensione

“Angel Face” ha debuttato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, dedicata alle migliori novità dei giovani autori e il 25 ottobre arriverà nelle sale italiane.

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cambiamenti climatici: le soluzioni di Paul Hawken, padre del capitalismo natura…

La coperta delle risorse naturali è corta e il benessere dell’umanità è minacciato dal riscaldamento del clima; per fortuna abbiamo già a portata di mano tutti gli strumenti necessari per...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077