Lunedì, 13 Dicembre 2010 23:52

Ocse. La ripresa è a rischio

Scritto da

BRUXELLES - Debole. Modesta. E a rischio. Innanzitutto per i debiti sovrani. E' la fotografia della ripresa scattata dall’ultimo rapporto dell’Ocse il cui indice registra un rialzo di 0,1 punti. E se la situazione resta invariata per l'Europa, per l'Italia il segno è negativo: -0,1 punti. Unico Paese per il quale, invece, si parla di espansione è la Russia (+0,7).



Le priorità? Per i Paesi europei il risanamento dei conti pubblici anche se questo potrebbe rallentare la ripresa. La questione è molto seria, spiega il capoeconomista dell'Organizzazione con sede a Parigi, Pier Carlo Padoan: i debiti sovrani "continueranno a crescere nei prossimi anni, raggiungendo livelli senza precedenti. E debiti così elevati vanno assolutamente ridotti, perché sono un ostacolo".

Nel giorno che precede il vertice dei capi di Stato e di governo della UE in programma a Bruxelles giovedì e venerdì prossimi e che sarà decisivo per il via libera alla riforma della governance economica della zona euro nonché del Patto di stabilità e di crescita, l'Ocse sostiene che sarà "necessario un notevole sforzo di consolidamento, e in molti Paesi servirà una posizione di bilancio rigorosa per molti anni prima di poter tornare a livelli prudenti di debito".

L'invito è quello di non annacquare la riforma del Patto Ue: ovvero una riduzione sostenuta per i Paesi con un debito superiore al 60%. Ma oltre il debito sovrano c'è la debolezza del sistema finanziario di Eurolandia.

Le banche, per esempio, hanno sottostimato "i rischi con dotazioni di capitale inadeguate e una gestione delle liquidità a volte carente". Inoltre, nonostante gli aiuti pubblici, continuano a essere proprio l'anello debole della catena.

Per l'Ocse diventa quindi necessario definire e mettere in capo regole e standard più stringenti in linea con quanto stabilito da Basilea III. Questo perché l'attività delle banche è di importanza sistemica e "dovrebbe essere monitorata con maggiore attenzione". Anche con stress test più severi e frequenti che in passato.

A livello fiscale, invece, l'Eurozona deve "aumentare la capacità di resistere a futuri choc" e "prepararsi ai futuri costi legati all'invecchiamento" della popolazione: previdenziali e sanitari.

Intanto, sul fronte della disoccupazione l'organizzazione ammette come sia stata molto forte in alcuni Paesi in deficit "dove gli squilibri economici e finanziari si stanno aggiustando" e che al momento si è stabilizzata "appena sotto il picco storico di metà anni ‘90".

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]