Giovedì, 28 Giugno 2012 17:24

Monte Paschi. Denaro pubblico e licenziamenti per “far galleggiare la barca”

Scritto da

ROMA - Il piano industriale presentato  dal gruppo  MPS  ci sembra  del tutto inadeguato per affrontare in modo  efficace  la situazione di crisi del  Gruppo  che riteniamo debba essere  risolta non certo con una politica di tagli indiscriminati, ma con un vero e proprio progetto industriale, mirato alla crescita ed al rilancio.

La  nostra considerazione sembra essere suffragata anche dal  mercato che penalizza pesantemente il titolo. Il piano, in dispregio del rispetto delle più elementari  norme di rapporti industriali  con le organizzazioni sindacali, è stato presentato prima ai mercati ed alle istituzioni e solo successivamente ed in maniera incompleta e superficiale  ai  rappresentanti  dei  lavoratori .Le soluzioni previste individuano un ulteriore, pesante, ricorso all’indebitamento verso lo Stato e un indiscriminato ridimensionamento del costo del lavoro ottenuto  con la riduzione complessiva di oltre 4600 dipendenti, la chiusura di 400 sportelli e l’abbattimento degli stipendi con forme solidaristiche. Quando in momenti di crisi globale lo stato interviene a sostenere istituti bancari in difficoltà, ci aspetteremmo  che tali risorse fossero indirizzate soprattutto verso il sostegno all’economia ed alla occupazione piuttosto che a cercare di “far galleggiare  la banca”, come ha sentenziato il presidente Profumo, indicando nella banca assicurazione e nel potenziamento di offerta di servizi anche non bancari il futuro del MPS.

 

Se il denaro pubblico che proviene dalle tasche dei contribuenti, compresi i lavoratori del Gruppo MPS, viene investito dal fior fiore della “intellighenzia” bancaria italiana con queste modalità e con queste prospettive di diminuzione dell’occupazione e della funzione storica degli istituti bancari di supporto all’economia reale  non possiamo che esprimere forti perplessità  sul futuro non solo della banca, ma, in prospettiva, anche dell’economia del Paese. Il plurisecolare Istituto, che del supporto alle economie locali ed alla “eticità” dei comportamenti si è sempre fatto vanto, si ritrova adesso ad avere una direzione autoritaria e non concertativa delle politiche industriali esercitata da un presidente rinviato a giudizio per frode fiscale, fatto questo che, per un normale dipendente provocherebbe come minimo la sospensione dal servizio.  La banca, che riceve, ripetiamo, soldi pubblici, si rifiuta di rendere noti e palesi gli stipendi dei top manager recentemente reclutati, gli eventuali premi degli stessi, le condizioni per la loro erogazione e le eventuali condizioni di risoluzione dei loro rapporti di lavoro. La banca, che provvederà al licenziamento del 10% dei dirigenti  non fa chiarezza sui metodi per individuarli e non pare prendere in considerazione di utilizzare, tra i criteri, anche quelli di inefficiente capacità di gestione della amministrazione precedente, che hanno condotto allo sfacelo attuale. Infine, la dismissione dell’attività di back office, palesemente in contrasto con quanto previsto dal  contratto nazionale di categoria recentemente siglato, che porterà alla cessione di 2300 persone, ha di certo solo il numero. La definizione del perimetro, dei partner, della eventuale forma societaria, sono infatti ancora avvolti nella nebbia, dimostrando come l’ineffabile presidente del MPS non faccia altro che ripetere schemi da lui già percorsi  in altre realtà, ci permettiamo di dire, con risultati quanto meno controversi.

Maurizio Arena

Segretario generale Dircredito, sindacato delle alte professionalità

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]