Lunedì, 17 Settembre 2012 13:59

Benzina, calano i consumi. A pagare ogni giorno di più sono gli automobilisti

Scritto da

ROMA - Come confermato oggi dai dati del Centro Studi Promotor GL, mentre il consumo della benzina è in calo, aumenta notevolmente la spesa a carico degli automobilisti.


L’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, ha recentemente stimato le variazioni rispetto allo stesso periodo del 2011: gli aggravi sono pari a +35 centesimi al litro.
Questo si traduce in salate ricadute per gli automobilisti e per tutti i cittadini ingenerale, con aggravi di +768 Euro annui (pari a 49 giorni di spesa alimentare di una famiglia media). Nel dettaglio, le ricadute sono così suddivise:
-       In termini diretti, per i pieni di carburante, +420 Euro annui.
-       In termini indiretti, dovuti agli aumenti dovuti soprattutto al maggiore costo per il trasporto delle merci, +348 Euro annui.
Il dato relativo alle ricadute indirette è particolarmente allarmante, in quanto dimostra quanto incidono i prezzi dei carburanti sul tasso di inflazione. Secondo le nostre stime, di questo passo, a fine anno vi sarà un’ulteriore spinta al rialzo del +1,1% sul tasso di inflazione.
Ma mentre le tasche degli automobilisti si svuotano, di pari passo si rimpinguano le casse dello Stato e delle compagnie petrolifere.
Gli aumenti registrati rispetto al 2011 sono pari a +21 centesimi al litro per lo Stato e +14 centesimi al litro per le compagnie.
Ipotizzando lo stesso livello di consumi dei carburanti registrato attualmente, di qui ad un anno, i maggiori introiti saranno pari a:
+ 9 Miliardi e 324 Milioni di Euro annui per lo Stato.
+ 6 Miliardi e 216 Milioni di Euro per le compagnie petrolifere.

È urgente porre fine a questo vero e proprio salasso, disponendo con urgenza:
-    seri controlli e prendendo provvedimenti severi contro le speculazioni sempre presenti nel settore;
-    una decisa modernizzazione dell’intera filiera;
-     l’eliminazione di ogni ostacolo alla completa liberalizzazione del settore;
-    una diminuzione delle accise, come fatto in Francia, di almeno 6 centesimi al litro, che permetterebbe un risparmio di 131 Euro annui per costi diretti ed indiretti.

Contestualmente è necessario avviare un controllo dei flussi finanziari, per fare in modo che  risorse le elargite dalle istituzioni pubbliche per sostenere la fuoriuscita dalla crisi non vengano impiegate per speculazioni finanziarie sulle materie prime.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]