Domenica, 18 Novembre 2012 09:37

Cemento. Livi (Fillea). Per il contratto piattaforma che guarda oltre la crisi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - “Una piattaforma che guarda oltre  la crisi, che chiede alle imprese del settore investimenti, innovazione  a tutela della buona occupazione, convinti  come siamo che da questa crisi si esce solo con una maggiore occupazione e con lavoratori che abbiano più diritti e tutele ed un salario dignitoso.

”Questo il commento di Mauro Livi, segretario nazionale della Fillea Cgil in merito all’approvazione della piattaforma unitaria  per il rinnovo del  contratto nazionale del settore Cemento Industria, avvenuta  a Roma nel corso dell'assemblea Nazionale Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal.-Uil  Sul settore -  con i suoi  addetti distribuiti in pochi grandi gruppi, tra cui i colossi Italcementi e Buzzi / Unicem – “ la crisi  si è abbattuta pesantemente, riducendo in 4 anni la domanda del 40% “passando da 48 milioni di tonnellate del 2008 alle 25 del 2011, con un trend ancora in discesa nel 2012 a causa della crisi dell’edilizia-prosegue Livi- in una preoccupante assenza di nuovi investimenti da parte del Governo e degli enti locali”. “ La sovra capacità   produttiva-prosegue il segretario nazionale della Fillea- rischia di tradursi in pesante ed inaccettabile ridimensionamento occupazionale. Questo è ciò che temiamo e su questo insistiamo con le controparti per sollecitare risposte dal Governo e dai Ministeri interessati.”

La piattaforma, varata al termine di un percorso democratico che ha coinvolto attivamente i lavoratori in decine di assemblee ha ricevuto oltre il 95 % dei consensi da parte dei lavoratori interessati. La piattaforma nei prossimi giorni  sarà inviata la  alle controparti con la richiesta, dice Livi “ di avvio immediato del negoziato.”

Tra le richieste del sindacato Livi sottolinea “l’aumento salariale medio di 178 euro mensili, la conferma del sistema contrattuale fondato sul CCNL per il recupero del potere di acquisto e  sul secondo livello, la riduzione della precarietà  nell'ingresso al lavoro, favorendo l’apprendistato ed il lavoro a tempo indeterminato ed escluden do alcune modalità  quali il lavoro a chiamata, il rafforzamento di alcuni diritti e tutele, ad esempio la conservazione del posto di lavoro in caso di lunga  malattia e, sulla sicurezza, l’informazione preventiva da parte delle Rsu , la definizione di protocolli per la sicurezza e l’ambiente.” Inoltre sono previsti  adeguamenti per la previdenza integrativa (+ 0,40 in più) e per la sanità  integrativa, l’adeguamento di alcune indennità  riguardanti le turnazioni,  percorsi formativi concordati con le Rsu.

Read 2702 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]