Giovedì, 27 Gennaio 2011 19:09

Gazprom fa shopping in Europa. Nel mirino anche la Saras dei Moratti

Scritto da

MOSCA - La Saras della famiglia Moratti entra nelle mire di Gazprom. Il colosso energetico russo, che fonda il suo impero sul gas, punta ora anche sul petrolio e, guardandosi intorno, in Russia ma anche al di fuori dei confini nazionali, non esclude la possibilità di mettere piede nella raffinazione italiana, puntando direttamente su una delle società leader del settore. La divisione petrolifera del gruppo, Gazprom Neft, sta infatti prendendo in considerazione l'acquisto di quattro o cinque raffinerie in Europa, in particolare in Gran Bretagna, Germania, Francia e Italia.

E Saras, secondo un manager della società, Igor Barsukov, capo dell'unità per lo sviluppo raffineria e petrolchimica, a Dubai per il World Energy Forum, «è nella lista» delle ipotesi allo studio. Dichiarazioni in seguito alle quali, la società guidata da Gian Marco e Massimo Moratti ha confermato solo «contatti preliminari per la valutazione di forme di collaborazione industriale». L'annuncio è immediatamente rimbalzato a Piazza Affari, dove il titolo Saras ha preso la rincorsa mettendo a segno un'impennata del 10%. Rally che ne ha causato anche la momentanea sospensione per eccesso di rialzo. Riammesso alle contrattazioni il titolo ha poi chiuso con un aumento del 7,95% a 1,83 euro. Con l'acquisto di asset italiani ed europei, Gazprom entrerebbe a gamba tesa in un settore che vive nel vecchio continente un momento di particolare difficoltà, dovuta non solo alla crisi economica, ma anche alla concorrenza sempre più agguerrita e dirompente dei Paesi asiatici. Navi provenienti dall'Estremo Oriente, ha denunciato più volte l'Unione petrolifera, circolano infatti già per il Mediterraneo cariche di prodotti raffinati a minor prezzo, grazie all'assenza di obblighi e vincoli ambientali e al basso costo della manodopera locale. In questo contesto, caratterizzato da margini di raffinazione estremamente bassi, Saras, presente in Sardegna con la raffineria di Sarroch (15 milioni di tonnellate lavorate all'anno, 300.000 barili al giorno, pari a circa il 15% della capacità di raffinazione italiana), ha chiuso i primi nove mesi del 2010 con un utile netto di 0,8 milioni di euro, in picchiata rispetto al 2009.

(ANSA)

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]