Venerdì, 08 Febbraio 2013 11:21

Allarme industria. Un andamento da brividi

Scritto da

ROMA - I dati dell’Istat sulla produzione industriale fanno scattare una vera e propria sirena d’allarme sulle condizioni della nostra economia. Da 22 anni non si registrava un livello più basso: nel 2012 -6,7%.
“Un dato che fa venire i brividi. Purtroppo si tratta dell’ennesima conferma al declino incontrastato dell’economia italiana.

Di fronte ad una contrazione della domanda di mercato così marcata come quella che si è registrata nel 2012 (pari al -4,7% secondo le stime O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, con una caduta della spesa di oltre -33,4 miliardi di Euro) la produzione industriale non poteva che registrare un fortissimo calo. Andamento dettato dalla gravissima perdita della capacità di acquisto delle famiglie: basti pensare agli aggravi a cui queste ultime devono far fronte nel biennio 2012-2013, pari a +3.823 Euro a famiglia (2.333 nel 2012 e 1.490 previsti per il 2013).
I dati diffusi oggi sull’andamento dell’industria lasciano presagire un ulteriore peggioramento del 2013: la caduta di produzione, infatti, inciderà negativamente sul versante dell’occupazione, alimentando nuovi record del tasso di disoccupazione e cassa integrazione e contribuendo sempre di più alla contrazione del potere di acquisto delle famiglie.
Anzi, come denuncia la CGIL, lo Stato fatica a reperire i fondi necessari per garantire la cassa integrazione in deroga nel 2013.
Alla luce di tale tendenza risulta del tutto inutile e aleatorio aggrapparsi alle speranze di chi vede la ripresa alla fine dell’anno: questo non potrà avvenire senza serie ed immediate misure di emergenza per il rilancio del potere di acquisto delle famiglie e per lo sviluppo economico del Paese.

Per questo ribadiamo che il primo punto all’ordine del giorno del nuovo Governo dovrà essere quello di affrontare seriamente, con responsabilità e mezzi adeguati, questa grave situazione, avviando:
-       interventi per il rilancio della domanda di mercato (attraverso il sostegno alle
famiglie a reddito fisso);
-       misure per la ripresa degli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca;
-        un piano per il rilancio dell’occupazione, specialmente quella giovanile, anche attraverso l’allentamento dei patti di stabilità degli Enti Locali (per intervenire soprattutto con pratiche di manutenzione, sicurezza ed edilizia);
-       l’abolizione definitiva del nuovo aumento dell’IVA in programma da luglio;
-       eliminazione dell’IMU sulla prima casa per i bassi redditi.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]