Venerdì, 08 Febbraio 2013 11:21

Allarme industria. Un andamento da brividi

Scritto da

ROMA - I dati dell’Istat sulla produzione industriale fanno scattare una vera e propria sirena d’allarme sulle condizioni della nostra economia. Da 22 anni non si registrava un livello più basso: nel 2012 -6,7%.
“Un dato che fa venire i brividi. Purtroppo si tratta dell’ennesima conferma al declino incontrastato dell’economia italiana.

Di fronte ad una contrazione della domanda di mercato così marcata come quella che si è registrata nel 2012 (pari al -4,7% secondo le stime O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, con una caduta della spesa di oltre -33,4 miliardi di Euro) la produzione industriale non poteva che registrare un fortissimo calo. Andamento dettato dalla gravissima perdita della capacità di acquisto delle famiglie: basti pensare agli aggravi a cui queste ultime devono far fronte nel biennio 2012-2013, pari a +3.823 Euro a famiglia (2.333 nel 2012 e 1.490 previsti per il 2013).
I dati diffusi oggi sull’andamento dell’industria lasciano presagire un ulteriore peggioramento del 2013: la caduta di produzione, infatti, inciderà negativamente sul versante dell’occupazione, alimentando nuovi record del tasso di disoccupazione e cassa integrazione e contribuendo sempre di più alla contrazione del potere di acquisto delle famiglie.
Anzi, come denuncia la CGIL, lo Stato fatica a reperire i fondi necessari per garantire la cassa integrazione in deroga nel 2013.
Alla luce di tale tendenza risulta del tutto inutile e aleatorio aggrapparsi alle speranze di chi vede la ripresa alla fine dell’anno: questo non potrà avvenire senza serie ed immediate misure di emergenza per il rilancio del potere di acquisto delle famiglie e per lo sviluppo economico del Paese.

Per questo ribadiamo che il primo punto all’ordine del giorno del nuovo Governo dovrà essere quello di affrontare seriamente, con responsabilità e mezzi adeguati, questa grave situazione, avviando:
-       interventi per il rilancio della domanda di mercato (attraverso il sostegno alle
famiglie a reddito fisso);
-       misure per la ripresa degli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca;
-        un piano per il rilancio dell’occupazione, specialmente quella giovanile, anche attraverso l’allentamento dei patti di stabilità degli Enti Locali (per intervenire soprattutto con pratiche di manutenzione, sicurezza ed edilizia);
-       l’abolizione definitiva del nuovo aumento dell’IVA in programma da luglio;
-       eliminazione dell’IMU sulla prima casa per i bassi redditi.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]