Venerdì, 22 Febbraio 2013 11:52

Inflazione. Ricadute di +213 euro annui solo su settore alimentare

Scritto da

ROMA - Ormai ne siamo certi: l’Istat non sta rilevando l’andamento dell’inflazione e della fiducia dei consumatori in Italia. Le ripetute frenate di tale tasso attestate dall’Istituto di Statistica non ci risultano affatto, almeno per quanto riguarda i beni con più alta frequenza di acquisto.


Una frenata è inspiegabile anche alla luce dei nuovi aumenti dei prezzi dei carburanti che, come è noto, incidono sulla determinazione dei prezzi dei beni (trasportati per l’86% su gomma) e dei servizi. L’unico dato che si avvicina alla verità è quello relativo al settore alimentare, ai massimi dal 2009, il cui rialzo risulta pari al +3,2%. Tale rincaro a nostro parere è ancora sottostimato, in quanto secondo le rilevazioni dell’O.N.F. –  Osservatorio Nazionale Federconsumatori a gennaio è stato pari al +3,8%: questo comporta un aggravio di 213 Euro annui a famiglia nel solo settore alimentare.
Aumenti allarmanti, che continuano a verificarsi nonostante la forte contrazione dei consumi, pari al -6,1%nel biennio 2012-2013. Di fronti a questo scenario, la fiducia dei consumatori in rialzo è un dato fuori luogo, che si commenta da solo.  Bisogna intervenire al più presto per contrastare tale andamento che, come denunciamo da anni, sta trascinando le famiglie italiane e l’intera economia in una situazione sempre più critica e pericolosa.
Le famiglie, che in questi anni hanno subito una caduta verticale del proprio potere di acquisto, sono costrette a modificare anche radicalmente le proprie abitudini.
In casi simili il Governo deve intervenire con la massima urgenza.


Per questo rinnoviamo il nostro appello a chi uscirà vincente dalle prossime elezioni affinché agisca concretamente per una reale ripresa economica del Paese e delle famiglie attraverso:
-       misure di sostegno destinate alle famiglie a reddito fisso, a partire da una detassazione e dall’eliminazione dell’IMU sulla prima casa per i bassi redditi;
-       un piano per il rilancio dell’occupazione, anche tramite l’allentamento dei patti di stabilità degli Enti Locali;
-       la ripresa degli investimenti per lo sviluppo e l’innovazione tecnologica;
E’ fondamentale, inoltre, cancellare definitivamente l’ulteriore aumento dell’IVA da luglio, che avrà effetti catastrofici sull’economia italiana.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]