Giovedì, 11 Aprile 2013 17:38

Incidente alla stazione tiburtina. La sicurezza prima di tutto

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA- Ero in stazione Ostiense quando ho appreso della morte del lavoratore avvenuta alla stazione tiburtina. 

Mi sono venuti i brividi guardando quei lavoratori che accompagnano i viaggi delle migliaia di pendolari ogni giorno e il cui lavoro troppo spesso si dà per scontato. Ma è possibile che ancora oggi si debba morire cosi? La sicurezza sul lavoro è un punto fondamentale che dovrebbe essere al primo posto sempre.

Di seguito la lettera del settore attività ferroviarie di USB

Ancora un morto sul lavoro in ferrovie: E' successo un altra volta

Ancora una volta un lavoratore perde la vita sui binari; non importa per quale ditta o azienda lavorasse: per noi era e resta un "ferroviere", perché sul "ferro" stava svolgendo il suo lavoro, il suo turno. E perché un altro "ferroviere" era alla guida di quel treno che lo ha investito causandone la morte suo malgrado.

A ognuno di noi, "ferroviere",  corre il ricordo per quella volta che ha sentito il treno troppo vicino e troppo pericolosamente a ridosso del lavoro che stava svolgendo; oppure a quando con la mano sulla frenatura rapida vedeva altri "ferrovieri" saltare o scansare di lato per evitare il treno che stava conducendo.

Forse qualcuno di noi "ferrovieri" ha dovuto anche assistere a scene pietose per dare l'allarme e chiedere soccorso per un investimento in linea causato da un treno che stava scortando come capotreno. Per poi accorgersi che anche l'investito indossava una divisa da "ferroviere".

Ogni volta ci siamo ripetuti: "Che non accada mai più!". A Roma lo abbiamo ripetuto, solo poco tempo fa, dopo la morte di Massimo e di Anthony. In tutta Italia lo abbiamo ripetuto per troppe volte negli ultimi anni.

Eppure accade ancora.  Oggi e' successo ancora.

Come e' mai possibile che l"ambiente "ferrovia" sia cosi' pieno di incidenti ancora oggi, nel Terzo Millennio, nella piena efficienza di sofisticati sistemi che spingono i treni a velocità da bolidi di formula 1 ma che non riescono a fare in modo che i binari siano un "luogo sicuro" per i lavoratori e a volte anche per chi ci viaggia? Quale circolo vizioso deve essere sciolto? Forse quello economico? Quello del "maggior ribasso"? Degli appalti o dei subappalti?

Della fretta con cui bisogna svolgere il proprio lavoro altrimenti "perdiamo l'appalto" oppure il nostro lavoro "lo danno a altri"? Della sicurezza che "non ci possiamo permettere" come ebbe a dire un ministro del nostro Stato non molto tempo fa?

L 'Unione Sindacale di Base si associa al dolore dei familiari della vittima, dei suoi compagni di lavoro e conferma il suo impegno sui binari, come in ogni altro ambiente di lavoro, per la sicurezza di chi ci lavora e di chi ci viaggia.

COSTI QUEL CHE COSTI.

USB Lavoro Privato settore attività ferroviarie

Read 2764 times Last modified on Giovedì, 11 Aprile 2013 18:00

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]