Martedì, 07 Maggio 2013 16:16

Consumi. Preoccupante calo nel settore alimentare. -4,6% rispetto al 2012

Scritto da

ROMA - La contrazione dei consumi rilevata da Confcommercio conferma una situazione drammatica: a marzo ha raggiunto il livello più basso dal 2000.


Addirittura, prendendo in considerazione il biennio 2012-2013, secondo le prime stime dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, la riduzione dei consumi si attesta al -6,9%. Il dato più preoccupante riguarda a nostro parere il settore alimentare che, come è noto, è generalmente l’ultimo ad essere intaccato in una situazione di crisi.
Rispetto allo scorso anno, secondo quanto rilevato dal nostro Osservatorio, i consumi alimentari sono diminuiti del -4,6%. Una percentuale allarmante, che equivale ad una contrazione di spesa di oltre 262 Euro annui a famiglia (con riferimento, ovviamente, al solo settore alimentare).
Tra gli altri settori che, secondo le nostre rilevazioni, risentono maggiormente della situazione di forte difficoltà vissuta dalle famiglie, vi è sicuramente quello del turismo, la cui contrazione nel 2013 secondo le nostre prime previsioni rischia di attestarsi ad oltre il
-7,8% rispetto al dato già drammatico registrato lo scorso anno.
Il calo così marcato in due settori chiave dell’economia italiana rispecchia perfettamente l’estrema gravità della situazione in cui si trova il Paese.
La preoccupante contrazione della spesa delle famiglie è sintomo ed allo stesso tempo causa di un andamento che, in assenza di interventi, non può che peggiorare.
Per questo è urgente prendere in mano la situazione al più presto, agendo con determinazione per un rilancio economico e per una ripresa del potere di acquisto delle famiglie.. Ben vengano, quindi, l’eliminazione del dannoso e demenziale aumento dell’IVA da luglio, nonché la sospensione del pagamento dell’IMU da giugno (imposta che ci auguriamo venga soppressa sulla prima casa per coloro hanno una sola casa).
Oltre a ciò ci aspettiamo che il Governo operi anche uno slittamento dell’applicazione della Tares al 2014. Ma soprattutto è indispensabile l’avvio di misure concrete per aprire prospettive di sviluppo all’economia del nostro Paese, puntando su crescita, sviluppo e rilancio occupazionale. In tal senso i primi passi da compiere sono l’allentamento dei patti di stabilità con gli enti locali (per permettere interventi di manutenzione, modernizzazione, sicurezza ed edilizia) ed il rilancio degli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca. 

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]