Giovedì, 16 Maggio 2013 17:00

Petrolio. Quotazioni nel mirino dell'Antitrust per sospette speculazioni

Scritto da

Se ipotesi confermate Federcosìnsumatori e Adusbef pronte a intraprendere iniziative per risarcire i cittadini


ROMA - Da sempre sosteniamo che, dietro alla determinazione delle quotazioni petrolifere, vi siano meccanismi poco trasparenti, che hanno portato agli incredibili aumenti dei carburanti avvenuti negli ultimi anni.” Un sospetto confermato dalla notizia odierna dell’avvio, da parte dell’Antitrust Europea, di un’indagine relativa a presunte speculazioni sul Brent.
Nel mirino dell’Autorità sono finite Bp, Shell e Statoil. Delle verifiche sono state avviate anche sul ruolo determinante dell’agenzia Platts che fissa il prezzo del petrolio sui mercati mondiali.
Se tali sospetti fossero confermati si tratterebbe di una vera e propria truffa mondiale, dalle ricadute incommensurabili sui cittadini e sulle imprese.
Gli aggravi determinati da una speculazione di tale portata sul petrolio, infatti, non avrebbero effetto solo sui prezzi diretti dei carburanti, ma anche su tutti i prezzi di beni e servizi, nonché sui costi dei prodotti che, nel proprio ciclo produttivo, impiegano il petrolio (dai detersivi ai materiali plastici).
Basti pensare che, solo in Italia, abbiamo sempre denunciato un differenziale incomprensibile tra i prezzi applicati e quelli a cui si sarebbero dovuti attestare i carburanti di 12 centesimi. Da una prima stima dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, quindi, le ricadute ipotizzabili risultano pari a +262 Euro annui a famiglia (di cui +144 per costi diretti e +118 per costi indiretti), pari complessivamente a circa 6,3 miliardi di Euro annui.
Si tratta di esborsi ancora più insopportabili in un momento critico come quello che le famiglie stanno attraversando da anni a causa della crisi.
Alla luce di questo allarmante scenario chiediamo che sia fatta la massima chiarezza su questa gravissima vicenda.
Naturalmente, se  tali ipotesi fossero confermate, Federconsumatori ed Adusbef non solo insisteranno affinché vengano disposte sanzioni e pene severe per i responsabili, ma metteranno in campo ogni strumento di carattere legale, avviando anche denunce alle Procure della Repubblica, per far sì che ai cittadini venga restituito ogni centesimo pagato in più a causa di queste intollerabili speculazioni.   

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]