Lunedì, 20 Maggio 2013 16:33

Benzina. Federconsumatori, del tutto ingiustificati gli aumenti nel week-end

Scritto da

ROMA - Dopo un breve periodo di tregua, tornano a salire i prezzi dei carburanti. Nel weekend vi è stata una nuova ondata di rincari, che ha portato il prezzo della benzina di nuovo a quota 1,82 Euro al litro. Rincari ingiustificati ed inammissibili, dal momento che le quotazioni odierne del petrolio non segnano alcun rialzo (né il WTI né il Brent).


Secondo i calcoli dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, invece di aumentare, i costi dei carburanti dovrebbero diminuire, dal momento che si trovano nettamente al di sopra del livello a cui si dovrebbero attestare.
Da un confronto effettuato sulla base delle quotazioni del petrolio, tenendo conto delle variazioni del cambio Euro/Dollaro, emerge infatti che, a parità di costo della materia prima (ed ovviamente a parità di valori di accise e IVA), il prezzo della benzina si attestava a 1,75 Euro al litro.
Questo significa che vi è il margine per una diminuzione di almeno 7 centesimi al litro. 
Tali centesimi di troppo, in termini annui, comportano ricadute per gli automobilisti pari a +84 Euro per costi diretti (ovvero per i pieni di benzina), +68 Euro per costi indiretti (vale a dire per via delle ricadute dei costi dei carburanti sull’andamento complessivo di prezzi e tariffe).
Aggravi che, in un momento critico come quello che le famiglie stanno attraversando, risultano del tutto intollerabili.
Per questo è urgente intervenire su questo settore fondamentale:
- Avviando misure per la modernizzazione della filiera e la completa liberalizzazione della rete di distribuzione.
- Disponendo seri controlli e verifiche sulla determinazione dei prezzi e sulla correttezza delle quotazioni internazionali. Non dimentichiamo, a tale proposito, che l’Antitrust UE sta conducendo delle indagini relative ad una presunta speculazione sul Brent che, se confermata, avrebbe pesato sulla determinazione del costo dei carburanti in questi anni.
- Eliminando categoricamente l’aumento dell’IVA da luglio che avrebbe effetti catastrofici sia in termini diretti, sia per via delle ricadute indirette: determinando un nuovo rialzo dei costi dei carburanti, infatti, contribuirebbe ad un aumento generalizzato di tariffe e prezzi (in particolare quelli relativi ai beni di largo consumo trasportati per l’86% su gomma).

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]