Domenica, 13 Febbraio 2011 22:49

Alitalia. Condannata la gestione antisindacale di Colaninno e Sabelli

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

ROMA - In questi lunghi mesi della vertenza Fiat, si è spesso operato il  paragone con Alitalia sul fronte politico, industriale ma soprattutto sindacale.
Il  modello Alitalia ha fatto da apripista per uno spostamento degli equilibri e delle relazioni tra imprese e sindacati.


Durante la vertenza i sindacati, sono stati relegati al compito di sottoscrivere gli accordi in modo preventivo, tale compito si è consolidato in Fiat, creando nell’opinione pubblica l’immagine del sindacato ‘collaborativo’ non in grado di spostare le forze tra lavoratori e azienda.
In questo rapporto tra aziende e sindacati i due grandi ‘esclusi’, pur in modo diametralmente opposto, sono  i lavoratori e la politica.
Ai lavoratori, è stato posto il  ricatto di accettare la firma di una contratto di lavoro sfavorevole, pena la perdita dello stesso.
La politica invece, ha latitato dal suo ruolo di supervisore, salvo poi incidere come ago della bilancia nel ricatto ai lavoratori.
La pesante sentenza di condanna al gruppo Alitalia-Cai di Colaninno e soci per comportamento anti sindacale verso USB, riapre il dibattito sulla rappresentatività sindacale.


Il Tribunale di Civitavecchia obbliga la CAI a restituire all’organizzazione i diritti sindacali riconosciuti dallo statuto dei lavoratori e fin ora negati ad USB.
La sentenza, che si sviluppa in 7 pagine, ripristina i diritti violati dall’azienda per le sigle che non firmano subito i contratti, il giudice Francesco Colella in un passaggio stabilisce che “la rappresentatività del sindacato non deriva da un riconoscimento del datore di lavoro”, tale affermazione apre un precedente importante, che potrebbe servire anche alla Fiom ad evitare la firma tecnica, spostando la decisone in un secondo momento .
L’esclusione di USB (ex Sdl) dal tavolo delle trattative, risale alla costituzione di Alitalia-CAI nel 2008, quando insieme ad Anpac si rifiutò di firmare gli accordi che diedero il via alla nascita della nuova Alitalia.
Il sindacato USB, a seguito della condanna, rientra in Alitalia, vedendosi riconosciuti i diritti in base alla legge 300 (esercizio del diritto di assemblea, locali sindacali, permessi sindacali).
Oggi il tema del lavoro, viene riportato anche sui diritti dei lavoratori e sulla necessità di essere rappresentati da un sindacato “capace di imporsi al datore di lavoro come controparte contrattuale”.

Read 4979 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]