Venerdì, 07 Giugno 2013 16:18

Filcams Cgil: Metro Italia, se licenziare diventa routine

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

ROMA - METRO Italia, dopo 40 anni di relazioni sindacali e una storia contrattuale altrettanto lunga , decide per la prima volta di licenziare unilateralmente i lavoratori, chiudendo una mobilità senza accordo con le Organizzazioni Sindacali.

A Sambuceto (CH), in un territorio dove il mercato del lavoro stagna più che altrove, i sindacati hanno tentato di trovare un terreno di condivisione, mai sottraendosi alla dolorosa conta degli “esuberi”, e “fino alla fine” racconta Giuliana Mesina segretaria nazionale della Filcams Cgil “abbiamo trovato una posizione rigida, indisponibile: l’Azienda poneva condizioni inaccettabili, non solo per i sindacati, ma soprattutto per la legge italiana.”

La legge prevede infatti la rotazione fra lavoratori, onde poter condividere l’onere fra più persone e salvaguardare l’aspetto solidale di questo ammortizzatore sociale.
METRO si è opposta fin da subito, temendo di non poter in questo modo abbattere i livelli occupazionali nella misura in cui aveva deciso, nonostante si fossero già palesati dei volontari e delle disponibilità al trasferimento in altre sedi.
“Per la Filcams Cgil non è accettabile utilizzare la Cassa Integrazione, ammortizzatore sociale a carico dell’intera collettività, per un’esigenza del tutto legata agli interessi aziendali” prosegue Mesina “e non è accettabile porre in Cassa coloro che si intende comunque far uscire dall’azienda. La Cassa Integrazione non è l’anticamera del licenziamento.”
E ancora, “respingiamo le accuse di rigidità: abbiamo rinnovato un Contratto Integrativo Aziendale dopo una disdetta unilaterale nel 2012, e lo abbiamo fatto trovando punti di mediazione sostenibili.
Piuttosto rilanciamo all’Azienda la sfida: esistono altre soluzioni, esiste una responsabilità sociale che un colosso mondiale come Metro non può derubricare a semplice contabilità di esuberi, esistono le storie dei lavoratori che hanno da anni contribuito ai profitti di Metro.”
Un modello di business basato sui licenziamenti è un modello perdente, di basso livello, di scarsa portata.

Le lavoratrici e i lavoratori, i delegati sindacali METRO di tutta Italia hanno fin da subito espresso solidarietà ai colleghi di Sambuceto, hanno supportato le loro lotte  e hanno ribadito che, anche nel giorno in cui l’azienda ha deciso di recapitare le lettere di licenziamento, non intendono assistere passivamente al declino culturale di questa azienda, che sta velocemente perdendo ogni distintività nel dialogo con le rappresentanze dei lavoratori.
Il futuro è sostenibile se il lavoro lo si difende, non se lo si taglia. Metro ci rifletta.

Read 2746 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]