Mercoledì, 12 Giugno 2013 16:22

Cgia. Ogni italiano paga 1.000 euro al mese per tasse e contributi

Scritto da

VENEZIA - Scocca oggi il “Tax freedom day”, l’indicatore che da quasi 15 anni viene calcolato dalla CGIA di Mestre.  Se per l’operaio il giorno di liberazione fiscale è stato il 15 maggio scorso, per l’impiegato sarà il prossimo 22 giugno. Bortolussi: “Per ciascuno di noi lo Stato italiano  è diventato il nostro socio di maggioranza”.




Quasi 1.000 euro al mese: è questo l’importo medio “trilussiano” che ciascun italiano (bambini ed anziani compresi) verserà quest’anno per tasse, imposte e contributi allo Stato italiano.  Una cifra, chiaramente, che include anche il carico fiscale pagato dalle imprese: tuttavia, la semplificazione ci serve per dimostrare che complessivamente quest’anno arriveranno nelle casse pubbliche circa 698 miliardi di euro: una somma imponente, purtroppo ancora insufficiente a coprire le uscite totali che ammonteranno (al lordo degli interessi sul debito pubblico) a 810,5 miliardi di euro. 

Nel giorno di liberazione  fiscale che, ricorda la CGIA,  quest’anno cade proprio il 12 giugno,  l’Associazione mestrina ha cercato di dimensionare il peso e i giorni di lavoro necessari per adempiere agli obblighi fiscali e contributivi riferiti al 2013. In particolare, sono state prese in esame due tipologie di contribuenti: un operaio con moglie e figlio a carico ed un impiegato,  sempre con moglie e figlio a carico.


·        Operaio con moglie e un figlio a carico
Con uno stipendio lordo annuo di oltre 21.700 euro (pari a 1.518 euro per ciascuna delle tredici mensilità percepite) tra imposte, tasse, tributi e contributi pagherà complessivamente 9.188 euro, di cui 3.065 euro di Irpef totale (che include anche quella regionale e comunale), 2.069 euro di Iva e 1.048 euro tra accise sulla benzina, sull’energia elettrica e sul gas.  A questo nostro operaio sono stati necessari 134  giorni di lavoro per assolvere  agli obblighi fiscali. In pratica, il suo “Tax freedom day” è stato il 15 maggio scorso.

·        Impiegato con moglie e figlio a carico

Con uno stipendio lordo annuo di oltre 43.300 euro (pari a 2.459 euro per ciascuna delle tredici mensilità percepite) tra imposte, tasse, tributi e contributi pagherà complessivamente 22.860 euro, di cui 12.020 euro di Irpef totale (che include anche quella regionale e comunale), 3.286 euro di Iva e 1.363 euro di accise sulla benzina, sull’energia elettrica e sul gas.  A questo impiegato sono stati necessari 172  giorni di lavoro per assolvere  agli obblighi fiscali. In pratica, il suo “Tax freedom day” sarà il prossimo 22 giugno.


“Per ciascuno di noi lo Stato italiano – commenta Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre – è diventato il nostro socio di maggioranza. Per quasi la metà di un anno ci chiede di lavorare per lui. E’ preciso,  puntuale ed intransigente quando deve incassare, ma lo è molto meno quando deve garantire livelli accettabili dei servizi offerti ai cittadini, sia in termini di qualità, sia in termini di  quantità”.




Giorno di libertà fiscale 2013
(Importi in euro)

OPERAIO con moglie e 1 figlio a carico
2013
Reddito Imponibile
21.732
  corrispondente a uno stipendio mensile
1.518


Nel 2013 ha pagato imposte per euro
9.188
   di cui IRPEF e addizionali
3.065
   di cui IVA sui consumi
2.069
   di cui accise su benzina, energia elettrica e gas
1.048


giorni lavoro per pagare le tasse
     134
giorno libertà fiscale
15/05/2013
Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre
 
 
 
 
 
IMPIEGATO con moglie e 1 figlio a carico
2013
Reddito Imponibile
43.397
  corrispondente a uno stipendio mensile
2.459


Nel 2013 ha pagato imposte per euro
22.860
   di cui IRPEF e addizionali
12.020
   di cui IVA sui consumi
3.286
   di cui accise su benzina, energia elettrica e gas
1.363


giorni lavoro per pagare le tasse
     172
giorno libertà fiscale*
22/06/2013
Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre
Lo stipendio netto mensile è riferito a 13 mensilità. Le due figure considerate sono le medesime in riferimento alle quali ogni anno viene calcolato il giorno di liberazione fiscale.
 OGNI ITALIANO PAGA 1.000 EURO AL MESE PER TASSE E CONTRIBUTI
 
Scocca oggi il “Tax freedom day”, l’indicatore che da quasi 15 anni viene calcolato dalla CGIA di Mestre.  Se per l’operaio il giorno di liberazione fiscale è stato il 15 maggio scorso, per l’impiegato sarà il prossimo 22 giugno. Bortolussi: “Per ciascuno di noi lo Stato italiano  è diventato il nostro socio di maggioranza”.
 
====================================================================
 
Quasi 1.000 euro al mese: è questo l’importo medio “trilussiano” che ciascun italiano (bambini ed anziani compresi) verserà quest’anno per tasse, imposte e contributi allo Stato italiano.  Una cifra, chiaramente, che include anche il carico fiscale pagato dalle imprese: tuttavia, la semplificazione ci serve per dimostrare che complessivamente quest’anno arriveranno nelle casse pubbliche circa 698 miliardi di euro: una somma imponente, purtroppo ancora insufficiente a coprire le uscite totali che ammonteranno (al lordo degli interessi sul debito pubblico) a 810,5 miliardi di euro. 
 
Nel giorno di liberazione  fiscale che, ricorda la CGIA,  quest’anno cade proprio il 12 giugno,  l’Associazione mestrina ha cercato di dimensionare il peso e i giorni di lavoro necessari per adempiere agli obblighi fiscali e contributivi riferiti al 2013. In particolare, sono state prese in esame due tipologie di contribuenti: un operaio con moglie e figlio a carico ed un impiegato,  sempre con moglie e figlio a carico.
 
 
·        Operaio con moglie e un figlio a carico
Con uno stipendio lordo annuo di oltre 21.700 euro (pari a 1.518 euro per ciascuna delle tredici mensilità percepite) tra imposte, tasse, tributi e contributi pagherà complessivamente 9.188 euro, di cui 3.065 euro di Irpef totale (che include anche quella regionale e comunale), 2.069 euro di Iva e 1.048 euro tra accise sulla benzina, sull’energia elettrica e sul gas.  A questo nostro operaio sono stati necessari 134  giorni di lavoro per assolvere  agli obblighi fiscali. In pratica, il suo “Tax freedom day” è stato il 15 maggio scorso.
 
·        Impiegato con moglie e figlio a carico
 
Con uno stipendio lordo annuo di oltre 43.300 euro (pari a 2.459 euro per ciascuna delle tredici mensilità percepite) tra imposte, tasse, tributi e contributi pagherà complessivamente 22.860 euro, di cui 12.020 euro di Irpef totale (che include anche quella regionale e comunale), 3.286 euro di Iva e 1.363 euro di accise sulla benzina, sull’energia elettrica e sul gas.  A questo impiegato sono stati necessari 172  giorni di lavoro per assolvere  agli obblighi fiscali. In pratica, il suo “Tax freedom day” sarà il prossimo 22 giugno.
 
 
“Per ciascuno di noi lo Stato italiano – commenta Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre – è diventato il nostro socio di maggioranza. Per quasi la metà di un anno ci chiede di lavorare per lui. E’ preciso,  puntuale ed intransigente quando deve incassare, ma lo è molto meno quando deve garantire livelli accettabili dei servizi offerti ai cittadini, sia in termini di qualità, sia in termini di  quantità”.
 

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA di Mestre
Lo stipendio netto mensile è riferito a 13 mensilità. Le due figure considerate sono le medesime in riferimento alle quali ogni anno viene calcolato il giorno di liberazione fiscale.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]