Giovedì, 17 Febbraio 2011 19:47

Roma città bene comune. Usb in piazza contro gli stati generali di Alemanno

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Sabato 19 Febbraio il sindacato dei lavoratori USB  e i Movimenti uniti contro la crisi scendono in piazza,  dando seguito alla mobilitazione del 25 novembre alla regione Lazio, per  porre le fondamenta della Roma che serve contro la ‘passerella mediatica’ degli Stati Generali di  Alemanno.


“Dopo tre anni di governo della Giunta Alemanno le condizioni di invivibilità dei lavoratori e dei cittadini romani appaiono evidenti e sono destinate a peggiorare attraverso  tagli, dismissioni e  privatizzazioni dei più importanti servizi pubblici della città: l’ennesima svendita dei beni comuni a carico della cittadinanza”, dichiara Maria Teresa Pascucci della USB Roma e Lazio “Come il Governo Nazionale – continua Pascucci - anche le istituzioni locali hanno deciso di far pagare la crisi economica ai lavoratori e ai cittadini, favorendo gli interessi finanziari ed imprenditoriali, privatizzando i servizi e affidandone la gestione ai privati, che se per i lavoratori delle aziende significa rischio occupazionale e peggioramento delle condizioni di lavoro, queste a loro volta si traducono in aumento delle tariffe, riduzione del servizio, rischio ambientale per tutta la cittadinanza. Allo stesso modo i tagli pesanti già annunciati alla cultura, alla scuola, alle politiche sociali mettono a rischio il destino di precari e lavoratori dei settori interessati, ma riguardano anche le risorse destinate ai nidi e alle scuole dell’infanzia, all’assistenza sociale e socio-sanitaria, agli spazi e alle iniziative culturali. “Per questo – sottolinea Pascucci - l’USB insieme ai Movimenti uniti contro la crisi prosegue la mobilitazione già iniziata lo scorso 25 novembre alla Regione Lazio, e sarà in piazza contro le politiche della Giunta Alemanno con i lavoratori dell’ATAC, dell’AMA, dell’ACEA, dell’ITALGAS, i lavoratori e i precari dei nidi, delle scuole dell’infanzia, del Comune di Roma, del Teatro dell’Opera, delle cooperative sociali, i cassaintegrati, i disoccupati, insieme ai movimenti per il diritto all’abitare, per la difesa dei beni comuni, ai migranti, agli studenti, per porre le fondamenta della Roma che serve e che vogliamo, contro la passerella mediatica degli Stati Generali di Alemanno, verso lo sciopero generale del prossimo 11 marzo”, conclude la dirigente USB.
Il Corteo partirà alle ore 15:00 da piazza Vittorio , fino ad arrivare al  Campidoglio.

Read 6129 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]