Print this page
Giovedì, 17 Febbraio 2011 19:47

Roma città bene comune. Usb in piazza contro gli stati generali di Alemanno

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Sabato 19 Febbraio il sindacato dei lavoratori USB  e i Movimenti uniti contro la crisi scendono in piazza,  dando seguito alla mobilitazione del 25 novembre alla regione Lazio, per  porre le fondamenta della Roma che serve contro la ‘passerella mediatica’ degli Stati Generali di  Alemanno.


“Dopo tre anni di governo della Giunta Alemanno le condizioni di invivibilità dei lavoratori e dei cittadini romani appaiono evidenti e sono destinate a peggiorare attraverso  tagli, dismissioni e  privatizzazioni dei più importanti servizi pubblici della città: l’ennesima svendita dei beni comuni a carico della cittadinanza”, dichiara Maria Teresa Pascucci della USB Roma e Lazio “Come il Governo Nazionale – continua Pascucci - anche le istituzioni locali hanno deciso di far pagare la crisi economica ai lavoratori e ai cittadini, favorendo gli interessi finanziari ed imprenditoriali, privatizzando i servizi e affidandone la gestione ai privati, che se per i lavoratori delle aziende significa rischio occupazionale e peggioramento delle condizioni di lavoro, queste a loro volta si traducono in aumento delle tariffe, riduzione del servizio, rischio ambientale per tutta la cittadinanza. Allo stesso modo i tagli pesanti già annunciati alla cultura, alla scuola, alle politiche sociali mettono a rischio il destino di precari e lavoratori dei settori interessati, ma riguardano anche le risorse destinate ai nidi e alle scuole dell’infanzia, all’assistenza sociale e socio-sanitaria, agli spazi e alle iniziative culturali. “Per questo – sottolinea Pascucci - l’USB insieme ai Movimenti uniti contro la crisi prosegue la mobilitazione già iniziata lo scorso 25 novembre alla Regione Lazio, e sarà in piazza contro le politiche della Giunta Alemanno con i lavoratori dell’ATAC, dell’AMA, dell’ACEA, dell’ITALGAS, i lavoratori e i precari dei nidi, delle scuole dell’infanzia, del Comune di Roma, del Teatro dell’Opera, delle cooperative sociali, i cassaintegrati, i disoccupati, insieme ai movimenti per il diritto all’abitare, per la difesa dei beni comuni, ai migranti, agli studenti, per porre le fondamenta della Roma che serve e che vogliamo, contro la passerella mediatica degli Stati Generali di Alemanno, verso lo sciopero generale del prossimo 11 marzo”, conclude la dirigente USB.
Il Corteo partirà alle ore 15:00 da piazza Vittorio , fino ad arrivare al  Campidoglio.

Read 6153 times
Susi Ciolella

Correlati

Ultime da Susi Ciolella

Related items