Martedì, 09 Luglio 2013 18:56

Welfare, piano Viminale non basta. Anziani maltrattati, chiudere case di riposo lager

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Serve intervento su scala nazionale



ROMA - “Il Piano d’azione per la coesione presentato oggi dal Viminale è sicuramente un buon inizio ma non basta a risolvere la cronica mancanza di servizi di cura e di assistenza per gli anziani non autosufficienti. Dopo anni di tagli operati da Berlusconi e da Monti serve una scossa, un intervento su scala nazionale e non solo limitato ad alcune regioni”. Ad affermarlo è il Segretario generale dello Spi-Cgil Carla Cantone commentando il Piano d’azione per la coesione per bambini e anziani presentato oggi dal governo.
“Il welfare – ha continuato Cantone – è stato finora sacrificato sull’altare dei tagli e del rigore finanziario, con il conseguente peggioramento delle condizioni degli anziani. Visto che siamo il secondo paese più vecchio al mondo dopo il Giappone sarebbe il caso di stanziare maggiori risorse per affrontare il problema dell’invecchiamento della popolazione, garantendo allo stesso tempo servizi e tutele a chi ne ha bisogno e creando nuovi posti di lavoro per i giovani”.

Anziani maltrattati, chiudere tutte le case di riposo lager
 
“Bisogna chiudere tutte le case di riposo lager dove gli anziani vengono maltrattati e torturati. Le istituzioni non possono permettere che nel proprio territorio esistano strutture che abusano di chi è fragile e indifeso ed è per questo che ci rivolgiamo a loro perché facciano più controlli".
Così il Segretario generale dello Spi-Cgil Carla Cantone interviene in merito alla scoperta di una casa di riposo lager a Terni.
“Basta ipocrisie – ha continuato Cantone – perché non stiamo parlando di casi isolati ma è del tutto evidente che c’è un problema su come gli anziani vengono trattati nelle strutture per la terza età, soprattutto in quelle private come quella di Terni.
“Vanno accertate le responsabilità su quanto accaduto – ha concluso il Segretario generale dello Spi-Cgil – per colpire chiunque abbia abusato degli anziani siano essi amministratori o lavoratori. Sarebbe anche ora che le associazioni che rappresentano queste case di riposo si assumessero la responsabilità di operare verifiche e controlli per mettere fine a quella che ormai è diventata una vera e propria vergogna nazionale”.

Read 3049 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]