Mercoledì, 23 Febbraio 2011 23:00

In piazza la ‘Roma Meticcia’ contro gli Stati Generali di Alemanno

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Movimenti di lotta per l’abitare , realtà sociali, sindacati di base, dando seguito all’ assemblea tenutasi sabato 19 febbraio al Campidoglio, si sono incontrati questa mattina all’ EUR. A poca distanza, il sindaco  Alemanno ha convocato gli Stati Generali della città per presentare il piano strategico di sviluppo della capitale


ROMA - Presenti i delegati USB e Cobas ,i lavoratori  delle aziende municipalizzate ;Atac, Ama, Acea, i comitati 'Caserme bene comune’ e i rom che abitavano a Casilino 900 .Ancora insieme per denunciare come la Roma Capitale “ sta minando le esistenze precarie di chi non ha una casa, chi non ha un reddito e fa fatica ad arrivare a fine mese”e per chiedere  al sindaco  l’ apertura di un tavolo tecnico.  
Alla manifestazione partecipano anche i cittadini di Tor Bella Monaca in protesta contro il masterplan  di Alemanno che vorrebbe demolire per poi ricostruire il quartiere.
La protesta è stata confinata in piazza Asia, i manifestanti salgono  sulle camionette della polizia che sbarrano  la strada, in un cordone di protezione. Uova farina e slogan contro il “bunga bunga del cemento e della crisi che flagella Roma”.


“Questa è una città in ginocchio che non ce la fa più”, gridano i manifestanti radunati nel piazzale. Donne e uomini con il volto coperto da maschere che raffigurano  il primo cittadino di Roma e il Presidente del Consiglio. Dietro quelle maschere colorate sguardi profondi, di rabbia di paura , ma anche  di orgoglio e dignità
“Agli Stati generali non si affrontano le situazioni sociali vere, ma il sindaco si è chiuso nel palazzo piegandosi agli interessi del gran sultano Berlusconi”, dice il loro portavoce Luca Fagiani. “Roma è blindata come se ci fosse un vertice internazionale”, accusa.
La piazza si placa solo  con l’annuncio di una mediazione, la delegazione  si riunisce ai piedi del palco da cui poco prima ha parlato anche Berlusconi. “Siamo soddisfatti che sia stato un incontro non formale, di un'ora e mezza” relaziona Fagiani.
La piazza è soddisfatta “Il sindaco – sostengono i manifestanti - ha riconosciuto che non procederà alla vendita di nuove quote di Acea nell'attesa del referendum sull'acqua pubblica”. “Verificheremo se le parole del sindaco diventeranno realtà. Siamo abituati a dubitare”chiude Fagiani.

Read 5619 times Last modified on Mercoledì, 23 Febbraio 2011 23:14

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]