Martedì, 03 Dicembre 2013 16:49

Cgia. Con aumento Ires-Irap a dicembre imprese pagheranno 1.220 euro in più

Scritto da

VENEZIA - Con l’ aumento degli acconti Ires e Irap dal 101 al  102,5 per cento, entro il prossimo 10 dicembre ogni società di capitale dovrà versare, rispetto al 2012, un maggiore acconto medio di poco superiore ai 1.200 euro.

L’incremento di 1,5 punti percentuali, ricorda la CGIA, è stato disposto nei giorni scorsi dal Governo al fine di coprire il mancato gettito della prima rata dell’Imu. Questo ritocco si aggiunge ad un ulteriore aumento di un punto percentuale che è stato approvato nel giugno di quest’anno. “E’ vero che gli aumenti degli acconti Ires e Irap altro non sono che una anticipazione e non un incremento di tassazione – dichiara il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi -  Tuttavia, in una fase economica così difficile e caratterizzata da scarsa liquidità, chiedere un ulteriore sforzo alle imprese sarebbe un errore”.

Dalla CGIA sottolineano che l’incremento degli acconti dal 100 al 102,5 per cento costringerà le società di capitali a pagare un miliardo di euro in più. Si ricorda che a giugno di quest’anno il Decreto legge n° 76 (che ha spostato dal 1° luglio al 1° ottobre l’aumento dell’aliquota Iva dal 21 al 22 per cento)  aveva alzato le soglie degli acconti Ires e Irap di un punto, portandoli dal 100 al 101 per cento. “A livello pro azienda non stiamo parlando di una cifra media importantissima – prosegue Bortolussi – ma sommata all’aumento della pressione fiscale generale e alla contrazione nell’erogazione del credito avvenuto in questo ultimo anno, potrebbero mettere in difficoltà numerose aziende”.

Quali sono le ragioni che hanno portato il Governo ad approvare questa misura ? “La copertura della prima rata dell’Imu è saltata a seguito del mancato pagamento della sanatoria delle concessionarie dei giochi e , soprattutto, in ragione del fatto che la Pubblica amministrazione non ha saldato  i suoi debiti nei confronti delle imprese. Ebbene, a  pagare  il conto saranno queste ultime che, per gli anni di imposta 2013 e 2014, si vedranno aumentare di 1,5 punti percentuali gli acconti fiscali Ires e Irap.  Insomma, oltre al danno la beffa”.

Società di capitali: AGGRAVIO MEDIO ACCONTI

IRES e IRAP dal 100% al 102,5%

(valori in €)

Descrizione

Stima versamento medio nazionale

avrebbe dovuto versare

29.076

deve versare

30.287

AGGRAVIO rispetto al 2012

+1.211

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati Ministero delle Finanze

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]