Print this page
Sabato, 21 Dicembre 2013 12:10

Cig.Verso un miliardo di ore. Cgil, 520 mila lavoratori in cassa

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Lattuada (Cgil): la legge di stabilità non mette in campo misure adeguate

 

ROMA - Poco meno di 990 milioni di ore di cassa integrazione, richieste e autorizzate, nei primi undici mesi dell'anno: ad un passo, per la terza volta dall'inizio della crisi, dal miliardo di ore di cassa integrazione anche per il 2013, dopo l'anno record del 2010 quando si raggiunsero oltre 1,2 miliardi di ore e il 2012 che ne totalizzò invece 1,1 miliardi. Dietro queste 990 milioni di ore messe a segno da gennaio a novembre ci sono in cassa integrazione poco meno di 520 mila lavoratori a zero ore che hanno subito un taglio del reddito di 3,8 miliardi di euro, ovvero 7.300 euro in meno per ogni singolo lavoratore. Questi alcuni dei numeri contenuti nel rapporto della Cgil di novembre sulla cassa integrazione, frutto di elaborazioni dei dati Inps da parte dell’Osservatorio Cig del sindacato.

 

Con questi dati, osserva il segretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, “si prospetta l'ennesimo, triste, anno record in termini di ricorso alla cassa integrazione da quando, oramai sei anni fa, siamo stati investiti da una violenta crisi”. Eppure, aggiunge la dirigente sindacale, “come dimostra una legge di Stabilità che non mette in campo misure per invertire la tendenza, una discussione sulla riforma degli ammortizzatori sociali mossa solo da una logica di taglio delle risorse, l'assoluta assenza di misure di contrasto alla crisi, non si ha contezza alcuna dello stato di profonda sofferenza in cui versa la gran parte del Paese. Quest'ultimo è in ginocchio e la situazione sociale diventa sempre più insostenibile: serve una svolta e serve ora

 

 

Nel mese di novembre richieste 110.047.398  di cig

 

 Il rapporto della Cgil segnala come la richiesta di cassa nei primi undici mesi dell'anno sia sostanzialmente in linea con le ore concesse nello stesso periodo del 2012, per un totale pari a 989.964.700 (-1,41%). Rimane quindi senza variazioni la richiesta media di ore pari a 80/90 milioni di ore al mese, costante a partire da gennaio 2009, così come elevata l'incidenza delle ore di cig per lavoratore occupato nel settore industriale pari in undici mesi a 145 ore per addetto. Per quanto riguarda il solo mese di novembre, invece, le ore di cig richieste e autorizzate sono state 110.047.398, in aumento sul mese precedente del +21,34%.

 

Nel dettaglio dell'analisi di corso d'Italia si rileva inoltre come la cassa integrazione ordinaria (cigo) a novembre registri un monte ore pari a 26.656.840, per un -21,06% su ottobre. Da inizio anno la cigo registra invece 319.940.445 di ore per un +3,36% sui primi undici mesi del 2012. La richiesta di ore per la cassa integrazione straordinaria (cigs), sempre per quanto riguarda lo scorso mese, è stata di 52.966.404, in crescita consistente su ottobre del +20,46%, mentre il dato da inizio 2013, pari a 418.978.243 ore autorizzate, segna un +14,26% sullo stesso periodo dello scorso anno. Infine, crescita esponenziale per la cassa integrazione in deroga (cigd): a novembre ha registrato un aumento del +134,91% sul mese precedente per complessive 30.424.154 di ore richieste. Da inizio anno sono state autorizzate 251.046.012 di ore di cigd, per un -23,44% sul periodo gennaio-novembre del 2012.

 

Cresce il numero delle aziende che fanno ricorso alla Cassa

 

- Continua anche a novembre la crescita del numero di aziende che fanno ricorso ai decreti di cigs. Da gennaio allo scorso mese sono state 5.956 per un +18,10% sullo stesso periodo del 2012 e riguardano 10.332 unità aziendali (+20,46% sull'anno passato). Nello specifico si registra sempre un forte aumento dei ricorsi per crisi aziendale (3.384 decreti da inizio anno per un +20,90% sullo stesso periodo del 2012) che rappresentano il 56,82% del totale dei decreti. Diminuiscono le domande di ristrutturazione aziendale (184 per un -9,80%) e quelle di riorganizzazione aziendale (214 per un -2,73%). "Gli interventi che prevedono percorsi di reinvestimento e rinnovamento strutturale delle aziende tornano a diminuire e rappresentano solo il 6,68% del totale dei decreti. Un segnale evidente del progressivo processo di deindustrializzazione in atto nel Paese", segnala lo studio Cgil.

 

Nelle regioni del Nord il ricorso più alto 

 

 Nelle regioni del nord si registra il ricorso più alto alla cassa integrazione. Dal rapporto della Cgil emerge che al primo posto per ore di cassa integrazione autorizzate nei primi undici mesi del 2013 c'è la Lombardia con 233.895.775 ore che corrispondono a 122.330 lavoratori (prendendo in considerazione le posizioni di lavoro a zero ore). Segue il Piemonte con 122.653.404 ore di cig autorizzate per 64.149 lavoratori e il Veneto con 99.498.293 ore per 52.039 persone. Nelle regioni del centro prima è il Lazio con 68.118.192 ore che coinvolgono 35.627 lavoratori. Mentre per il Mezzogiorno è la Campania la regione dove si segna il maggiore ricorso alla cig con 56.279.015 ore per 29.435 lavoratori.

 

La meccanica il settore più colpito

La meccanica è il settore dove si è totalizzato il ricorso più alto allo strumento della cassa integrazione. Secondo il rapporto della Cgil, infatti, sul totale delle ore registrate nel periodo gennaio-novembre, la meccanica pesa per 334.334.891, coinvolgendo 174.861 lavoratori (prendendo come riferimento le posizioni di lavoro a zero ore). Segue il settore del commercio con 132.036.874 ore di cig autorizzate per 69.057 lavoratori coinvolti, subito dopo l'edilizia che registra 114.245.764 ore e 59.752 lavoratori investiti.

 

Occupazione e lavoratori in cig 

 

- Considerando un ricorso medio alla cig, pari cioè al 50% del tempo lavorabile globale (24 settimane), sono coinvolti nel periodo gennaio-novembre 1.035.528 lavoratori in cigo, cigs e in cigd. Se invece si considerano i lavoratori equivalenti a zero ore, pari a 48 settimane lavorative, si determina un'assenza completa dall'attività produttiva per 517.764 lavoratori, di cui 200 mila in cigs e 130 mila in cigd. Continua così a calare il reddito per migliaia di cassintegrati: dai calcoli dell'Osservatorio cig, si rileva come da inizio anno i lavoratori parzialmente tutelati dalla cig abbiano perso nel loro reddito 3 miliardi e 790 milioni di euro, pari a una riduzione del salario, al netto delle tasse, di 7.300 euro per ogni singolo lavoratore coinvolto a zero ore.

Read 1958 times
Super

Correlati

Ultime da Super

Related items