Sabato, 21 Dicembre 2013 15:49

Natale. La crisi morde, ma gli italiani non rinunciano ai regali sotto l'albero

Scritto da

ROMA -  E se le ferie estive, le vacanze di pasqua gli italiani le passavano a casa, ad esse si aggiungono anche le vacanze di Natale e Capodanno.

Questo è quanto risulta dalle indagini su questi giorni natalizi della Federalalgerghi. In particolare a Natale la flessione di italiani in movimento sarà dell'8%, con la stragrande maggioranza che rimarrà in Italia, in casa di parenti o amici per economizzare, mentre a Capodanno si muoveranno quasi 6 milioni di connazionali +3% rispetto al 2012, con un incremento di italiani che andranno all'estero spinti probabilmente - secondo Federalberghi - da tariffe più vantaggiose.

Ciò vuol dire che i restanti 48 milioni di italiani non si sposteranno da casa durante le festività e di essi addirittura 32 milioni non lo faranno per motivi economici. Un dato su tutti è quello che spaventa: oltre un italiano su due si dichiara in povertà turistica non potendosi permettere nemmeno una notte fuori casa durante le imminenti, questo è il risultato della lettura dell'indagine previsionale sulle vacanze di Natale e Capodanno degli italiani, realizzata con il supporto dell'istituto ACS Marketing Solutions.  Per le festività di Natale e Capodanno gli italiani non rinunciano del tutto a un break, ma le vacanze saranno "mini", soprattutto nella spesa: crescono i viaggi con un budget da 250 euro o meno, scelti dal 42%, il 17% in più rispetto al 2012.

Tra chi viaggia, si registra una diminuzione della spesa media (694 euro, il 9% in meno rispetto al 2012) e - grazie al risparmio previsto - la permanenza media passa da 6 a 7 giorni, con una crescita dei vacanzieri che resteranno fuori solo due giorni (+7%). Ma cresce la voglia di cultura: aumentano i viaggiatori in cerca di arricchimento culturale (+9%) e le città d'arte raccolgono più preferenze della montagna (33% contro 30%). Varie le motivazioni dei  milioni di italiani che non partono. In testa c'è la mancanza di disponibilità economica, segnalata dal 36% di chi non parte: è un dato in miglioramento sul 2012 quando la mancanza di disponibilità era segnalata dal 39%. Ma non parte anche chi cerca nelle feste un momento di riposo e da dedicare alla famiglia: il 17%, stessa quota di chi ritiene che i prezzi da pagare per un viaggio siano troppo alti, in calo però dell'1% rispetto al 2012. Il 14% degli intervistati, invece, sostiene di preferire altri periodi dell'anno per un viaggio, mentre è sempre fermo al 7% - stessa quota dello scorso anno - chi indica come ostacolo alle vacanze la mancanza di giorni di ferie. Il 4% invece non partirà perchè deve occuparsi di familiari o anziani, mentre il 3% perchè non ha nessuno con cui condividere il giorno di ferie. Le famiglie italiane però non rinunciano e non tagliano sui prodotti alimentari.

Il Codacons ha monitorato la propensione alla spesa alimentare delle famiglie per il Natale 2013: tra alimenti e bevande si spenderà complessivamente 2,6 miliardi di euro per il classico pranzo di Natale e il cenone della vigilia. Le famiglie, chiarisce l'associazione dei consumatori, durante queste festività hanno deciso di tagliare su altre voci di spesa, riducendo in primis i regali e gli addobbi, ma non intendono contrarre i consumi alimentari tipici del Natale, che rimarranno in linea con quelli dello scorso anno. Circa 1 miliardo di euro verrà speso tra carni e pesce, 500 milioni invece la quota destinata a spumanti, vini e bevande varie. La Coldiretti aggiunge un ulteriore elemento: appena il 7 per cento degli italiani dichiara che rinuncerà a fare un regalo anche se l'orientamento é verso un contenimento della spesa e la ricerca di cose utili. Circa la metà degli italiani (47%) non ha tagliato il budget per i regali. Tra i prodotti che salgono sul podio dei regali più gettonati nell'ordine capi d'abbigliamento, libri e prodotti alimentari. Gli italiani quindi rimangono fedeli alle tradizioni natalizie secondo i proprio budget familiari, i regali sotto l’albero non mancheranno anche se non saranno costosi.                                      

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]