Lunedì, 03 Febbraio 2014 14:06

Imprese. Record di fallimenti. Tra le cause, il ritardato pagamento delle PA

Scritto da

Secondo la CGIA, le imprese avanzano dallo Stato crediti per circa 100 miliardi di euro

VENEZIA - La CGIA segnala che nel 2013 il numero dei fallimenti registrati in Italia ha superato quota 14.200: un livello mai raggiunto nel recente passato. Ben il 14,5% in più rispetto al 2012 e in aumento del 52% se la comparazione viene eseguita con il 2009.

 

“Oltre agli effetti della crisi economica – segnala il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - a dare un contributo all’impennata dei fallimenti hanno sicuramente contribuito anche il ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione (Pa) , l’incremento del livello di tassazione e la contrazione nell’erogazione del credito praticata dalle banche. Nonostante nell’ultimo anno lo Stato abbia erogato oltre 20 miliardi di euro e i tempi di pagamento della nostra Pa siano  scesi di 10 giorni – prosegue Bortolussi - rimaniamo i peggiori pagatori d’Europa: in Italia il saldo fattura avviene mediamente dopo 170 giorni, contro una media Ue di 61. Nel 2013 la pressione fiscale ha raggiunto il suo record storico, 44,3%, un livello mai toccato in passato. Infine,  tra novembre 2012 e lo stesso mese del 2013, i prestiti bancari alle imprese sono diminuiti di 60,5 miliardi di euro, pari ad una contrazione del 6,2%”.

A quanto ammontano i debiti della Pa nei confronti dei propri fornitori ?

 

“Tenendo presente che l’anno scorso lo Stato ha pagato circa 22 miliardi di euro di debiti pregressi, è verosimile ritenere che i creditori della Pubblica amministrazione italiana vantino circa 100 miliardi di euro, esclusi quelli eventualmente maturati nel frattempo”.

A ribadirlo è il Segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: si tratta di una nostra stima che risulta essere molto diversa dalla cifra emersa dall’ indagine campionaria presentata nel marzo scorso dalla Banca d’Italia in un’audizione parlamentare.

Secondo i ricercatori di via Nazionale, il debito della Pubblica amministrazione (Pa) era pari a 91 miliardi di euro (chiaramente da questo importo vanno stornati i circa 22 miliardi di euro pagati nel 2013). Una cifra che, ormai, viene presa come riferimento da tutti gli osservatori ogni qual volta si dimensiona l’ammontare complessivo dei crediti che le aziende vantano nei confronti del settore pubblico.

“Si tratta di una foto scattata il 31 dicembre 2011, ovvero più di due anni fa – conclude Giuseppe Bortolussi – nella quale non sono comprese le aziende con meno di 20 addetti che, ricordo, costituiscono il 98% del totale delle imprese italiane. In questa ricerca, inoltre, non sono state coinvolte le imprese che operano nei settori della sanità e dei servizi sociali che, storicamente, sono quelli dove si annidano i ritardi di pagamento più eclatanti. Alla luce di questi elementi, riteniamo che l’ammontare dei debiti scaduti stimato dalla Banca d’Italia sia sottodimensionato di circa 30 miliardi di euro”.

 

Mestre 3-2-2014

 

L’aumento dei fallimenti in Italia

2009

2010

2011

2012

2013

Var. ass. 2013-2009

Var. % 2013/2012

 

Var.%

2013/2009

Numero fallimenti

9.383

11.286

12.169

12.463

14.269

+4.886

+14,5

 

+52,1

 

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Cribis

 

 

 

Pa: tempi medi di pagamento in Europa (variazione 2013-2012)

(valori medi espressi in giorni)

 

 

 

 

 

 

PAESI

Pubblica Amministrazione

2012

2013

Var. 2013-2012

ITALIA

180

170

-10

GRECIA

174

159

-15

SPAGNA

160

155

-5

PORTOGALLO

139

133

-6

CIPRO

83

85

+2

BELGIO

73

69

-4

FRANCIA

65

60

-5

REPUBBLICA SLOVACCA

62

57

-5

UNGHERIA

57

55

-2

BULGARIA

52

52

+0

LITUANIA

56

51

-5

SLOVENIA

45

49

+4

REPUBBLICA CECA

42

45

+3

IRLANDA

48

45

-3

ROMANIA

45

45

+0

OLANDA

44

43

-1

AUSTRIA

44

42

-2

SVIZZERA

42

42

+0

REGNO UNITO

43

41

-2

POLONIA

39

38

-1

LETTONIA

38

37

-1

GERMANIA

36

36

+0

DANIMARCA

37

35

-2

NORVEGIA

34

34

+0

SVEZIA

35

34

-1

ISLANDA

34

33

-1

ESTONIA

25

25

+0

FINLANDIA

24

24

+0

 

 

 

 

Media europea

65

61

-4

 

 

 

 

Elaborazione Ufficio Studi CGIA di Mestre su dati Intrum Justitia

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]