Lunedì, 17 Febbraio 2014 14:03

Cgia. Tasse record per le micro imprese fino al 63%

Scritto da

Per le aziende con meno di 10 addetti, nel 2013 le tasse sono aumentate: colpito il 95% del totale delle imprese

VENEZIA - L’allarme viene lanciato dalla CGIA: rispetto all’anno precedente, nel 2013 le micro imprese fino ai 10 addetti hanno subito un aggravio fiscale che oscilla tra i 270 e i 1.000 euro. Certo, sono importi non pesantissimi, tuttavia sono andati ad aggiungersi ad un livello di tassazione complessivo che per le attività di questa dimensione si attesta mediamente tra il 53 e il 63 per cento. Un “intervallo” record che non era mai stato raggiunto negli anni scorsi.

Dalla CGIA ricordano che le aziende con meno di 10 addetti costituiscono il 95% delle imprese italiane. Ad esclusione dei lavoratori del pubblico impiego, queste realtà danno lavoro al 47,2% degli addetti, producono il 31,4% del Pil e il 7% dell’export nazionale. Tra il 2001 e il 2011 hanno creato il 56,7% dei nuovi posti di lavoro.

“Gli aumenti di tassazione registrati negli ultimi anni – sottolinea il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi - sono da attribuire, in particolar modo, all’aumento dei contributi previdenziali in capo ai lavoratori autonomi, all’introduzione dell’Imu e della Tares. Questi aggravi sono stati attenutati dal “Salva Italia”, che ha previsto la deducibilità dal reddito di impresa dell’Irap relativa al costo del lavoro, e dalla legge di Stabilità del 2013, che ha ulteriormente elevato le deduzioni Irap legate al numero di dipendenti. In linea di massima, abbiamo riscontrato che all’aumentare del numero dei dipendenti diminuisce lo svantaggio fiscale. Oltre la soglia dei dieci dipendenti la situazione si inverte: nel rapporto dare/avere con il fisco, le aziende cominciano a guadagnare. Peccato che al di sotto di questa soglia troviamo il 95% delle imprese italiane”.

Vediamo i casi analizzati dall’Ufficio studi della CGIA:

·        Artigiano che lavora da solo (reddito annuo di 35.000 euro)

con una pressione fiscale che nel 2013 si è attestata al 53%, ha pagato 319 euro in più rispetto al 2012. Complessivamente, ha versato allo Stato e agli Enti locali 18.564 euro. Anche per l’anno in corso le tasse sono destinate ad aumentare: nel 2014 pagherà 154 euro in più e, rispetto al 2011 (ultimo anno di applicazione dell’Ici), l’aggravio sarà di ben 1.216 euro.

·        Commerciante senza dipendenti (reddito annuo di 30.000 euro)

con una pressione fiscale che l’anno scorso ha quasi raggiunto la soglia del 53%, rispetto al 2012 ha versato 329 euro in più. Tra tasse, imposte e contributi ha pagato complessivamente 15.882 euro. Nel 2014 il peso fiscale è destinato ad aumentare di altri 184 euro. Se il confronto viene fatto tra il 2014 e il 2011, la maggiore tassazione a suo carico è di 1.362 euro.

L’Ufficio studi della CGIA fa notare che oltre il 70% degli artigiani e dei commercianti presenti nel nostro Paese lavora da solo.

 

·        Impresa artigiana composta da 2 soci e 5 dipendenti (reddito annuo di 80.000 euro)

Con un peso fiscale che nel 2013 ha sfiorato il 59%, l’aggravio subito rispetto all’anno precedente è stato di 273 euro. Complessivamente, il carico di tasse e imposte versate è stato pari a 46.882 euro. Nel 2014 ci sarà un ulteriore incremento di 423 euro. Se il confronto viene fatto tra il 2014 e il 2011, l’inasprimento sarà di 1.191 euro

·        Piccola impresa con 2 soci e 10 dipendenti (reddito di 100.000 euro al lordo dei compensi degli amministratori pari a 60.000 euro)

La pressione fiscale su questa attività nel 2013 ha toccato il 63,4%. Rispetto al 2012 ha pagato 1.022 euro in più, mentre quest’anno il conto salirà di altri 285 euro. L’ammontare delle tasse e dei contributi versati nel 2013 è stato pari a 63.424 euro circa. Tra il 2014 e il 2011, l’inasprimento sarà pari a 2.016 euro .

 

 

NOTA METODOLOGICA

In questo studio si sono considerate quattro tipologie di imprese.

Un artigiano e un commerciante senza dipendenti, una società di persone con 5 dipendenti e una società di capitali, più strutturata con 10 dipendenti.

Per ogni attività economica, si è considerato un immobile strumentale tipo. Per l’attività artigianale si è preso come riferimento un laboratorio, per il commerciante un negozio, per la piccola società un capannone, mentre per la società di capitali un capannone industriale. La rendita catastale e la superficie è quella media risultante dalla banca dati dell’Agenzia del Territorio. Per quanto riguarda i capannoni, la metratura deriva da nostre stime in quanto non è disponibile un dato medio nazionale.

Sulla base di queste informazioni, si è calcolata l’IMU, la maggiorazione TARES, la TASI e il prelievo rifiuti. Le aliquote dell’IMU sono quelle medie rilevate analizzando le delibere dei Comuni capoluoghi di provincia, (per il 2013 nonostante la nostra analisi sia ancora in corso si è evidenziata già una tendenza all’incremento delle aliquote). La TASI è stata calcolata applicando l’aliquota base dell’1 per mille. Il prelievo rifiuti corrisponde alla media di quello rilevato per le specifiche attività in 10 città capoluogo di regione (Ancona, Aosta, Bologna, Cagliari, Campobasso, Firenze, Genova, Milano, Torino, Venezia), tranne che per il caso della società di capitali che è stata localizzata a Venezia.

Prima di osservare le tabelle è utile ricordare le principali novità normative che si sono registrate negli ultimi anni:

a)    il Decreto Legge Salva Italia (DL 201/2011) ha previsto il graduale aumento delle aliquote contributive delle gestioni pensionistiche degli artigiani e dei commercianti. Le aliquote sono cresciute di 1,3 punti percentuali nel 2012, e poi ogni anno di 0,45 punti percentuali (sino a raggiungere nel 2018 il 24%).

b)    Sono aumentate anche le aliquote previdenziali per gli iscritti alla gestione separata INPS, (con altra copertura previdenziale obbligatoria), nel 2011 l’aliquota era del 17%, nel 2012 è passata al 18%, per poi salire al 20% nel 2013. L’attuale legge di Stabilità (Legge 147/2013) ha accelerato l’aumento portando l’aliquota al 22% nel 2014. Nel 2016 raggiungerà il 24%.

c)     Rispetto a quando c’era l’Ici, l’Imu ha comportato sia un aumento delle aliquote di imposizione che della base imponibile per effetto dei coefficienti moltiplicativi. Per i capannoni il coefficiente per la determinazione della base imponibile è cresciuto ulteriormente dal 2012 al 2013 passando da 60 a 65. L’avvento della TASI, che si applicherà sulla stessa base imponibile dell’IMU, farà aumentare ulteriormente il prelievo sugli immobili strumentali. Mentre nel 2013, rispetto al 2012 si è fatto particolarmente sentire l’aggravio del prelievo sui rifiuti, a causa della necessità di reperire nuove risorse per la copertura integrale del costo del servizio. Unica nota positiva viene dalla Legge di Stabilità 2014 che ha previsto la parziale deducibilità ai fini delle imposte sui redditi dell’IMU sugli immobili strumentali, sebbene limitata al 30% per il 2013 e al 20% per gli anni seguenti.

d)    Le modifiche che hanno riguardato l’IRAP hanno alleggerito la tassazione sulle imprese. Infatti, la numerosità del personale dipendente, a parità di condizioni può essere un fattore che può invertire il segno dei risultati ottenuti nelle nostre simulazioni, evidenziando situazioni di miglioramento. Le prime novità relative all’IRAP sono state introdotte già a partire dal 2012 dal decreto “Salva Italia” che ha previsto la deducibilità dal reddito di impresa dell’IRAP relativa al costo del lavoro; effetto questo che risulta chiaramente se si osserva le tabelle 3 e 4 in cui nel 2012 rispetto al 2011 si registra rispettivamente una diminuzione dell’IRPEF e dell’IRES. Per il 2014 la vecchia Legge di Stabilità del 2013 (DL 228/2012) aveva previsto un aumento della deduzione IRAP per ogni lavoratore dipendente (a tempo indeterminato) presente in azienda con un risparmio netto di circa 113 euro per ogni dipendente. Effetto particolarmente evidente nella Tabella n 4 dedicata alla società di capitali con 10 dipendenti in cui il risparmio netto IRAP è appunto di 1.131 euro.

e)    Ulteriori modifiche normative considerate sono:

a.     Incremento delle accise sui carburanti,

b.      l’aumento del bollo sul conto corrente per le società passato da 34,20 a 100 euro a partire dal 2012,

c.      la continua crescita delle addizionali comunali e regionali che è stata calcolata considerando l’evoluzione delle aliquote nei comuni capoluoghi di provincia ponderata con il numero dei contribuenti residenti in ogni comune.

Nell’effettuare i calcoli si è proceduto per competenza, e non per cassa. Inoltre si è tenuto conto che alcune imposte sono deducibili ai fini della determinazione del reddito di impresa e quindi si è considerato l’effetto netto, calcolando risparmio dovuto al maggior costo sia ai fini previdenziali che delle imposte dirette. Questo effetto provoca una oscillazione delle variazioni nel prelievo dei contributi previdenziali e dell’IRPEF.

OSSERVANDO LE TABELLA SI NOTA

Nel periodo considerato si ha un generale aumento della tassazione sulle imprese. In particolare è cresciuto il prelievo previdenziale; è costantemente in aumento la tassazione sugli immobili strumentali facendo lievitare i costi fissi (cioè i costi che si deve sostenere anche se non si lavora). Le accise sui carburanti sono in perenne crescita, e colpiscono in maniera rilevante quelle attività economiche che sono costrette ad utilizzare mezzi di trasporto. Il prelievo IRAP funge da ago della bilancia, le norme che si sono succedute per alleggerirne il peso all’aumentare del numero dei dipendenti la tassazione tenda a diminuire. Per esempio, a parità di condizioni se la società di capitali da noi considerata avesse 20 dipendenti, nel 2014, rispetto al 2013 la tassazione calerebbe di 376 euro, e nel periodo 2011 – 2014 di 1.290 euro. Effetto questo che potrebbe essere accelerato dalla riduzione dei premi INAIL prevista dalla Legge di Stabilità per il 2014 e che si presume legato al numero degli addetti.

Si può concludere affermando che nel periodo considerato le imprese senza dipendenti, e soprattutto quelle di piccola dimensione con pochi dipendenti hanno visto senza dubbio peggiorare la loro situazione fiscale, con un inasprimento del prelievo. Le società di maggiori dimensioni, con un rilevante numero di dipendenti, soprattutto se i soci non sono lavoranti (e quindi svincolati dalla doppia tassazione INPS, sia sul reddito di impresa che sui compensi amministratori) potrebbero registrare una diminuzione di prelievo.

TABELLA N 1 - Ditta Individuale - Artigiano senza dipendenti

Impresa Artigiana: Ditta Individuale senza dipendenti, attività di pasticceria. Reddito di 35.000 euro. Possiede un furgoncino (consumo 14 km/lt con il quale percorre 10.000 km annui). Laboratorio di 160 metri quadrati (categoria catastale C3), rendita catastale 513 euro

Descrizione

Nel 2012
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione rispetto al 2011

Nel 2013
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al
2012

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2013

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2011

 

 

Contributi previdenziali

+433

-7

+180

+606

 

IMU

+333

+15

 

+348

 

Maggiorazione TARES

 

+48

-48

+0

 

TASI aliquota 1 per mille

 

 

+75

+75

 

Prelievo rifiuti

 

+484

 

+484

 

Accisa carburanti

+105

+8

+1

+115

 

IRPEF

-147

-218

-14

-380

 

Addizionali IRPEF

+19

-11

-1

+7

 

IRAP

 

 

-39

-39

 

Totale

+742

+319

+154

+1.216

 

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

TABELLA N 2 - Ditta Individuale - Commerciante senza dipendenti

Ditta Individuale senza dipendenti, attività di ortofrutta. Reddito di 30.000 euro. Possiede un furgoncino (consumo 14 km/lt con il quale percorre 10.000 km annui). Negozio di 71 metri quadrati (categoria catastale C1), rendita catastale 1.690 euro

Descrizione

Nel 2012
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione rispetto al 2011

Nel 2013
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al
2012

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2013

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2011

 

 

Contributi previdenziali

+368

-64

+155

+459

 

IMU

+494

+20

 

+513

 

Maggiorazione TARES

+0

+22

-22

+0

 

TASI

+0

+0

+98

+98

 

Prelievo rifiuti

+0

+602

+0

+602

 

Accisa carburanti

+105

+8

+1

+115

 

IRPEF

-130

-248

-9

-387

 

Addizionali IRPEF

+14

-12

-1

+1

 

IRAP

 

 

-39

-39

 

Totale

+850

+329

+184

+1.362

 

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

TABELLA N 3 - Società di Persone

SNC Artigiana 2 soci e 5 dipendenti, attività officina. Reddito di 80.000 euro. Possiede un furgoncino (consumo 14 km/lt con il quale percorre 10.000 km annui). Capannone di 1.000 metri quadrati (categoria catastale D1), rendita catastale 5.776 euro

Descrizione

Nel 2012
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione rispetto al 2011

Nel 2013
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al
2012

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2013

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2011

 

 

Contributi previdenziali

+347

-75

+612

+885

 

IMU

+1.425

+327

 

+1.753

 

Maggiorazione TARES

+0

+300

-300

+0

 

TASI

+0

+0

+394

+394

 

Prelievo rifiuti

+0

+489

+0

+489

 

Accisa carburanti

+105

+8

+1

+115

 

Bollo conto corrente

+66

+0

+0

+66

 

IRPEF

-1.440

-748

+267

-1.921

 

Addizionali IRPEF

-8

-29

+14

-23

 

IRAP

+0

 

-566

-566

 

Totale

+495

+273

+423

+1.191

 

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

 

 

 

 

TABELLA N 4 - Società di Capitali

SRL 2 soci che lavorano in azienda e 10 dipendenti, attività di produzione industriale. Reddito di 100.000 euro al lordo dei compensi amministratori di 60.000 euro. Possiede un furgoncino (consumo 14 km/lt con il quale percorre 20.000 km annui). Capannone di 1.600 metri quadrati (categoria catastale D7), rendita catastale 9.656 euro

Descrizione

Nel 2012
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione rispetto al 2011

Nel 2013
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al
2012

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2013

Dal 2014
Minore (-) Maggiore(+)
Tassazione
rispetto al 2011

 

 

Contributi previdenziali gest art

-937

-602

+542

-997

 

Contributi previdenziali gest 335/95

+600

+1.200

+600

+2.400

 

IMU

+2.383

+547

 

+2.930

 

Maggiorazione TARES

+0

+480

-480

+0

 

TASI

+0

+0

+659

+659

 

Prelievo rifiuti

+0

+262

+0

+262

 

Accisa carburanti

+210

+16

+3

+229

 

Bollo conto corrente

+66

+0

+0

+66

 

IRES

-1.881

-950

+506

-2.325

 

IRPEF

+199

+55

-393

-139

 

Addizionali IRPEF

+70

+14

-21

+63

 

IRAP

+0

 

-1.131

-1.131

 

Totale

+709

+1.022

+285

+2.016

 

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]