Martedì, 18 Febbraio 2014 19:12

Bellono (Fiom). Cassa integrazione a Mirafiori. Fiom discriminata da Fiat e altri sindacati

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Nel pomeriggio di  oggi, si è svolto, presso l'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, l'incontro per l'esame congiunto relativo alla proroga di 12 mesi della cassa integrazione straordinaria per i 730 lavoratori delle Presse di Mirafiori.

A differenza di quanto successo nelle precedenti occasioni-rende noto un comunicato della Fiom Cgil-, la Regione ha convocato tutte le parti, anche sindacali, per lo stesso giorno alla stessa ora, cioé in modo non separato. Le altre organizzazioni sindacali-prosegue il comunicato- hanno però rifiutato di sedersi allo stesso tavolo della Fiom-Cgil.  L'azienda ha poi brevemente ribadito le ragioni per le quali è stata chiesta la cassa. La Fiom-Cgil ha  chiesto se in sede aziendale con le Rsa, escluse quelle della Fiom-Cgil, fosse già stato siglato un accordo e l'azienda ha confermato. A quel punto, la Fiom-Cgil ha stigmatizzato l'esclusione in azienda dei delegati della Fiom-Cgil e ha chiesto di poter visionare l'accordo per discuterlo: l'azienda, a questa richiesta, ha rifiutato. 

A fronte dell'assoluta mancanza volontà di rendere partecipe la Fiom-Cgil di un eventuale accordo, non è stato possibile concludere positivamente l'esame congiunto. 

Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil, ha cosìcommentato: «Avevamo apprezzato la novità della Regione di procedere a una convocazione non separata, purtroppo però abbiamo dovuto registrare l'incomprensibile volontà degli altri sindacati non sedersi allo stesso tavolo con la Fiom-Cgil: si tratta di un comportamento inspiegabile visto che si parlava di cassa integrazione e non del contratto separato Fiat. È veramente incredibile che l'azienda non abbia ritenuto di farci vedere un accordo che in teoria dovrebbe essere conosciuto da tutti i lavoratori, tanto più a fronte di una richiesta in sede istituzionale; ed è a maggior ragione assurdo che abbia ribadito l'assoluta mancanza di volontà di ricercare un possibile accordo con la Fiom-Cgil, tanto più in presenza di un'intesa già siglata in sede aziendale escludendo i nostri delegati. Questo da un lato rende, a nostro giudizio, la procedura svoltasi in Regione non regolarmente conclusa e dall'altro dimostra che non è stata rispettata la pari dignità di tutte le organizzazioni sindacali, per altro ribadita dalla sentenza della Corte Costituzionale. L'esame congiunto di oggi è un'occasione persa, e non per nostra volontà». 

Read 2696 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]