Domenica, 09 Marzo 2014 21:59

Cgil al governo: così non va, pronti alla mobilitazione, sciopero compreso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Mentre Renzi e Alfano fanno a gara a chi le spara più grosse nell’annunciare i prossimi provvedimenti del governo che riguardano il cuneo fiscale, il piano per la casa, il jobs act per il lavoro, interventi per l’edilizia scolastica,mentre sfogliano la margherita, Irpef o Irap, la Cgil, guarda al sodo.Non crede al premier che parla di provvedimenti schok, rivoluzionari  e neppure ad Alfano  quando afferma che si tratterà di un “taglio mai fatto”,  un “ botto” sulla tasse“ un intervento molto forte sul cuneo fiscale. 

Susanna Camusso a conclusione dei lavori del Direttivo annuncia,senza mezzi termini, che si andrà  alla mobilitazione dei lavoratori i se, dice, “ il governo non ci ascolta, se le richieste avanzate dal sindacato su lavoro e fisco non saranno accolte e si andrà in direzione contraria”.

Camusso:tutte le risorse da destinare al lavoro non alle imprese

La Confederazione di Corso d’Italia   chiede di destinare tutte le risorse previste per il taglio del cuneo fiscale al lavoro e non alle imprese, non limitandosi a intervenire sull'Irpef ma aumentando anche le detrazioni. Nel comitato direttivo del sindacato è stata i sostenuta la necessità di vere e proprie detrazioni più che intervenire solo sull'Irpef, perchè questo potrebbe favorire in qualche misura gli evasori fiscali. Per quanto riguarda le forme  di lotta si valuterà al momento opportuno,dipenderà dalle risposte che arriveranno. Non si esclude il ricorso allo sciopero.  Da parte del governo fino ad oggi ci so: ancora i sindacati non sono stati convocati, non si aperto alcun confronto,le parti sociali sono state ignorate.  Per “ dialogare “ con il governo c’è bisogno di ricorrere alle iniziative più diversi utilizzando i media. Mai un incontro diretto,un tavolo di confronto. 

 Fiom. Assemblea a Roma delle delegate e dei delegati metalmeccanici

Anche  Maurizio Landini,segretario generale della Fiom che con Renzi ha intrattenuto un buon rapporto, utilizzato dal premier in chiave anti-Camusso, non ha avuto miglior sorte. Per “ parlare” con il premier è dvuto ricorrere ad una “lettera  “ospitata da Repubblica.  Il quotidiano di De Benedetti, che nei confronti della Cgil non è proprio “benevolo” utilizza poi la “lettera “ di Landini quasi fosse in contrapposizione alle posizioni espresse dal Direttivo. Addirittura scrive Repubblica on line che  interviene “ di rincalzo” anche il segretario generale della Cgil..Dimentica l’autore che Camusso parla a nome del Direttivo e quindi anche di Landini. Ma di sciocchezze il mondo è costellato, quindi passi anche questa, perché la lettera del segretario generale della Fiom molto dura nel tono e nei contenuti.  Annuncia il 21 marzo a Roma una grande assemblea delle delegate e dei delegati metalmeccanici.Dice Landini:"Secondo noi sono da evitare interventi a pioggia. Bisogna individuare delle priorità. Ad esempio, ogni euro pubblico a favore delle imprese deve essere vincolato a quanti posti di lavoro si difendono e si creano. Vanno resi possibili forme di credito e di finanziamento agli investimenti a tassi agevolati per le piccole e medie imprese, incentivando la costituzione di reti d'impresa". Ancora: “Non serve a nulla una riduzione generalizzata e non selettiva del cuneo fiscale. Per una ripresa dei consumi la tassazione va ridotta a partire da una riduzione dell' Irpef sui redditi da lavoro più bassi e ripristinando una vera tassazione progressiva".Parla di "forme di reddito minimo universale"  e per quanto riguarda la contrattazione chiede di  "cancellare l'articolo 8 della legge 148 del 2011, con cui si è permesso di derogare ai contratti nazionali".Proprio il contrario di quanto pensano Renzi e la ministra Guidi che vorrebbe abolire la contrattazione nazionale,puntando addirittura a quella individuale. 

Patrimoniale e tassazione delle rendite finanziarie

 A proposito delle risorse le risorse il segretario generale della Fiom entra in rotta di collisione con le scelte che il governo farà per quanto allo stato se ne sappia. Landinii parla di misure straordinarie come  "la tassazione delle rendite finanziarie l'istituzione di una patrimoniale, privilegiare la riduzione del peso fiscale per chi investe in Italia e reinveste gli utili anziché distribuirli agli azionisti". 

Read 4206 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]