Lunedì, 19 Maggio 2014 19:34

Globalizzazione. Le prospettive per le micro, piccole e medie imprese italiane

Scritto da

Alla Camera di Commercio di Roma l'importante convegno promosso da ConfimpreseItalia. Presenti oltre 30 delegazioni diplomatiche e tutte le Agenzie che sono chiamate a promuovere e tutelare il Made in Italy

ROMA: Si è svolto oggi alla Camera di Commercio a Roma un convegno organizzato da Confimprese Italia e Confimprese Italia di Roma Capitale. Oggetto della discussione: le micro, piccole e medie imprese, che ancora oggi rappresentano la spina dorsale dell'economia italiana. Ad introdurre i lavori, il Segretario generale di Confimrese Roma Capitale, Fabio Desideri che ha fissato i punti principali di interesse per le imprese. La prospettiva è quella di  creare le condizioni di un meno complesso, approccio a questa realtà, che potrebbe ridare al made in Italy il suo giusto ruolo nello scacchiere mondiale.
La sfida della globalizzazione si è fatta ormai ineludibile nella società in cui viviamo; è per questo che anche le imprese italiane devono cominciare a competere nei mercati internazionali. Non hanno speranza di vincere però, se non saranno accompagnate, se non saranno forniti gli strumenti di cui hanno bisogno per crescere e per competere, perchè è proprio la competitività il fattore disciminante nei mercati internazionali, nei quali solamente le realtà economiche e produttive in cui si è creata una rete efficace e sinergica hanno avuto la possibilità di interpretare un ruolo attivo, in grado di concretizzare sviluppo e business di qualità.

Il tessuto produttivo italiano è caratterizzato dalla presenza di circa 4,4 milioni di piccole imprese; circa il 91 per cento delle imprese italiane sono in realtà micro imprese, poichè hanno meno di nove addetti impiegati o meno di due milioni di fatturato e danno lavoro a un italiano su due. Le stesse microimprese sono anche i veri giganti dell'economia europea, con una rappresentanza del 92,2 per cento.

Da alcuni anni le imprese affrontano carenze strutturali, di contesto nazionale e internazionale e si sono impegnate quindi, in processi lunghi e faticosi di ristrutturazione patrimoniale, economica e finanziaria. Le imprese italiane soffrono: oltre 1000 aziende al giorno sono costrette alla chiusura (soprattutto nel comparto artigiano), provocando un ampio disagio sociale.
E' stato evidenziato un dato sorprendentemente positivo nel saldo del 2013: sono più di trecentomila le imprese nate in quest'anno, nonostante la pessima situazione finanziaria del paese. Risultano in crescita Commercio, Turismo e Servizi, in calo Edilizia e Trasporti.
Bisogna cominciare ad agire sulla linea del motto "Il futuro non si aspetta, si prepara", seguendo l'esempio degli imprenditori che continuano ad operare nonostante il periodo di crisi finanziaria e convincendosi che, con il giusto appoggio, anche il nostro sistema economico può arrivare a competere sul mercato globale, poichè caratterizzato dai prodotti adatti per quantità e qualità. 

"Oggi si torna a mettere al centro l'impresa" - interviene Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea, responsabile di industria e imprenditoria - e alla stessa impresa va assicurata una politica concreta di sostegno. A questo proposito Tajani parla di una strategia significativa che prevede l'erogazione di molti più soldi da parte delle banche per i prestiti alle micro, piccole e media imprese, un investimento di almeno 150 miliardi di euro e la tutela del prodotto italiano ad ogni livello. "L'Italia può e deve pagare i suoi debiti. - ha continuato - Si sguinzaglia Equitalia a inseguire i cittadini per pagare una multa, mentre le istituzioni pubbliche non pagano i propri debiti: è moralmente vergognoso."
L'iniziativa più significativa raccontata dal vicepresidente è stata sicuramente quella di inaugurare un ufficio per micro, piccole e medie imprese in ogni ambasciata italiana all'estero e in particolare in America latina, nel Nord Africa, in Russia e in Cina, quest'ultimo giudicato il più sviluppato.

Dopo la crisi del 2009 sembra che l'economia mondiale si stia rimettendo in moto; in Italia la crescita è frenata ma si manifestano i primi segnali di inversione di tendenza: è uno dei cinque Paesi al mondo con surplus manufatturiero oltre i 100 miliardi di dollari.
E' necessario comunque, sviluppare un'assistenza continuativa per le micro, piccole e medie imprese per non sprecare, anzi sfruttare al massimo il grande potenziale dell'Italia sul piano produttivo e sull'export, ma soprattutto l'Italia deve guardare all'Europa nella sua veste di "mondo pieno di opportunità" e cogliere le occasioni che dall'Europa arrivano.
"Pertanto sviluppare ogni tipo di sinergia possibile, finalizzata alla creazione delle migliori condizioni operative per le imprese italiane che vogliono internazionalizzarsi, - afferma Guido d'Amico, presidente di Confimprese Italia - è la priorità alla quale la nostra organizzazione vuole tentare di dare risposte utili, condivise e partecipate."

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]