Giovedì, 19 Giugno 2014 13:40

Banche. Parte il confronto per il nuovo contratto

Scritto da

Megale (Fisac):difesa dell’occupazioine e tutela salari

ROMA - SI avvia il confronto per il rinnovo del contratto dei lavoratori del credito“. Un rinnovo non facile, ammesso che di questi tempi  la contrattazione sia una strada in discesa. Ma per i bancari le difficoltà sono ancora maggiore con un processo di ristrutturazione in corso da ormai molto tempo che falcidia i posti di lavoro. La prima delle tre giornate “ esplorative” dicono i sindacati si è esaurita con la prseentazione della piattaforma per il rinnovo. Le altre due giornate sono in calendario per il 23  e 30 giugno. “Difendere l'occupazione e tutelare il potere d'acquisto dei salari dall'inflazione, il tutto con un progetto di modello di banca capace di parlare all'economia reale, riaprendo i rubinetti del credito e tornando ad essere motore degli investimenti e della crescita, come sostenuto dallo stesso premier Renzi. “:questo il progetto esposto ad Abi dice il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale. Il progetto unitario presentato dai sindacati del settore prevede  un modello di banca al servizio del paese, a supporto dei punti presenti nella piattaforma, dall'occupazione al rafforzamento dell'area contrattuale. “Da parte nostra - afferma il leader della Fisac Cgil - non è accettabile alcuna contrapposizione tra occupazione e salario: il nostro punto di riferimento resta la piattaforma da cui ci attendiamo risposte nei prossimi incontri”. Risposte che per Megale devono arrivare soprattutto “in ragione del modello di banca che oggi abbiamo presentato e che delinea una nostra volontà, come sindacato di categoria, di rivolgerci contemporaneamente con il rinnovo del contratto ai lavoratori del settore e con il progetto di modello di banca a quella parte di paese fatta di cittadini, imprenditori, famiglie, che vogliamo insieme a noi in questa battaglia”.

Conclude il numero uno della categoria dei lavoratori del credito della Cgil: “Vogliamo con noi questa parte del paese affinché le banche operino non solo per riaprire i rubinetti del credito, non avendo più alibi dopo le decisioni della Bce, ma anche per strutturare veri e propri centri di consulenza, per la crescita dimensionale e l'innovazione tecnologica delle imprese, in cui non bisognerà ragionare non più di riduzione dell'occupazione ma di formazione e riqualificazione”, conclude Megale. 


 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]