Sabato, 20 Settembre 2014 15:55

Meridiana. I dipendenti, storia di un flop tutto italiano

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

CAGLIARI -  Dopo l'annuncio dell'azienda di mettere 1.600 dipendenti in mobilità i dipendentilavoratori lanciano un nuovo comunicato informando che non ci sarebbe nessun piano di rilancio del vettore e puntanti il dito sull'Ad, che oltre a non far utili da 2 anni sarebbe più pagati dell'ad Air France.

"È davvero troppo facile chiudere il teatrino penoso di una disastrosa strategia industriale e di business creativo licenziando 1600 dipendenti e metterli ancora per chissà quanto tempo a carico della collettività". Così esordiscono in una nota i dipendenti in esubero in Meridiana.

"Impossibile - continua la nota -  credere che a questo epilogo ci sia arrivato un management profumatamente pagato. L'AD di Meridiana, Ing. Scaramella, il quale percepisce più di 700.000 euro l'anno, più di quanto percepisca l'AD di Air France o Easy Jet, e continua a percepirli tutti, senza decurtazioni né sacrifici, senza essere riuscito a fare un solo euro di utile in due anni. Il taglio doloroso è stato annunciato pochi giorni fa, insieme ad un non ben definito piano industriale e al lancio di nuove rotte, che però non farà il personale navigante Meridiana, che andrà tutto in mobilità, ma i meno costosi e più flessibili "cugini" di Air Italy, compagnia al 100% di proprietà di Meridiana, secondo quel gioco di scatole cinesi per cui si travasa attività nella scatola più piccola e meno costosa svuotando di operatività la scatola grande, con il solo risultato di generare ESUBERI, talmente tanti ESUBERI da essere balzati dal 40% della forza lavoro a quasi il 90%. Air Italy è stato l'ultimo illuminato acquisto di Meridiana, compagnia dalla flotta vecchia e completamente in perdita, ma funzionale al gioco di cui sopra".


"Nonostante tutto, - scrivono i dipendenti - e le ingenti somme versate dal fondo Akfed - del Principe AG Khan, Meridiana è in rosso. Qual è il vero problema? Non è il costo del lavoro, ma l'incapacità certificata dalle perdite di questo management di aggredire il mercato scegliendo nuove e redditizie rotte, secondo i trend del settore.   Bisogna dirlo chiaro e tondo che sono stati proprio i dipendenti, in questi ultimi 4 anni, a fare i sacrifici maggiori vedendosi decurtati gli stipendi fin del 30% ed aumentata la flessibilità e la produttività a dismisura. Ed ora l'epilogo".

Insomma, secondo i lavoratori, ora il  il conto salato dell'incapacità altrui sarà ancora una volta addebitato ai 1600 dipendenti su 1742. 

Numeri che fanno rabbrividire, e che gli stessi dipendenti chiamano come una sorta di "pulizia etnica" in grande stile, una vera e propria macelleria sociale che si svolge sotto gli occhi chiusi o distratti di tutti. "É notizia di questi giorni - riporta la nota - di un nuovo esposto presentato in procura dalle OO.SS. Per truffa ai danni dello Stato. Noi aspettiamo, fiduciosi".

Read 2871 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]