Venerdì, 10 Ottobre 2014 16:41

Scandalo tasse ambientali. In più di 20 anni solo 0,86% destinato salvaguardia territorio

Scritto da

MESTREDopo l’ennesima alluvione verificatasi questa notte a Genova, la CGIA torna a denunciare ancora una volta lo “scandalo” dell’utilizzo delle imposte ambientali pagate dai contribuenti italiani. Soldi, è bene ricordarlo,  che le Amministrazioni pubbliche dovrebbero impiegare per finanziare la realizzazione delle opere di protezione ambientale: invece, da più di venti anni vengono quasi totalmente utilizzati per “coprire” altre voci di spesa.

Denuncia il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi:

“Spesso ci sentiamo dire che questi disastri si verificano anche perché non ci sono le risorse per realizzare gli interventi di  manutenzione del territorio e di messa in sicurezza dei corsi d’acqua. Purtroppo, le cose non stanno così.  Nel 2012 le imprese e le famiglie italiane  hanno versato all’Erario, alle Regioni e agli Enti locali la bellezza di quasi 47,2 miliardi di euro  di tasse ambientali. Di questo importo, solo 463 milioni di euro, pari allo 0,98 per cento,  sono stati destinati alle attività di salvaguardia ambientale per le quali sono state introdotte, vale a dire le opere e gli interventi per la messa in sicurezza del nostro territorio. I rimanenti 46,7 miliardi, invece, sono stati impiegati per altre finalità”.

Purtroppo,  questa situazione si trascina dall’inizio degli anni ’90.

“Si pensi che in più di 20 anni – conclude Bortolussi - gli italiani hanno versato ben 847,3 miliardi di euro di tasse verdi: ebbene, solo 7,3 miliardi sono stati effettivamente destinati alla protezione dell’ambiente. Un’anomalia tutta italiana che qualcuno, soprattutto dopo l’ultima calamità accaduta a Genova, dovrebbe, almeno politicamente, darne conto”.

E’ bene che i contribuenti sappiano che tutta quella sequela di imposte spesso sconosciute che “sborsano” quando fanno il pieno all’autovettura e quando pagano la bolletta della luce o del gas/metano, il bollo dell’auto o l’assicurazione dell’auto, non vanno a sostenere le attività di salvaguardia ambientale per le quali sono state introdotte, bensì a finanziare altre voci di spesa.

L’elenco delle tasse e delle imposte ambientali che grava sugli italiani è lunghissimo. I tre grandi capitoli su cui insistono le imposte “verdi” sono: energia, trasporti ed inquinamento.

Vediamone l’elenco:

  •  Le imposte sull’energia

Sovrimposta di confine sul GPL

Sovrimposta di confine sugli oli minerali

Imposta sugli oli minerali e derivati

Imposta sui gas incondensabili

Imposta sull'energia elettrica

Imposta sul gas metano

Imposta consumi di carbone

  • Le imposte sui trasporti

Pubblico registro automobilistico (PRA)

Imposta sulle assicurazioni Rc auto

Tasse automobilistiche a carico delle imprese

Tasse automobilistiche a carico delle famiglie

  • Le imposte sulle attività inquinanti

Tributo speciale discarica

Tassa sulle emissioni di anidride solforosa e di ossidi di zolfo

Tributo provinciale per la tutela ambientale

Imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili

Gettito delle imposte ambientali in Italia per destinazione (valori in milioni di €)

Anno

TOTALE GETTITO
IMPOSTE
AMBIENTALI

di cui: destinato a spese protezione ambiente

(1)

di cui: non destinato a spese protezione ambiente

(2)

Inc. % spese destinate al finanziamento della spesa per protezione ambiente

1990

22.353

0

22.353

0,00

1991

27.474

0

27.474

0,00

1992

29.000

0

29.000

0,00

1993

29.435

79

29.356

0,27

1994

31.128

73

31.055

0,23

1995

34.121

112

34.009

0,33

1996

35.037

376

34.662

1,07

1997

36.362

423

35.939

1,16

1998

36.759

424

36.335

1,15

1999

39.344

371

38.973

0,94

2000

37.863

423

37.440

1,12

2001

37.885

408

37.477

1,08

2002

37.445

383

37.062

1,02

2003

40.100

377

39.723

0,94

2004

39.366

382

38.984

0,97

2005

40.147

404

39.743

1,01

2006

41.340

416

40.924

1,01

2007

41.443

446

40.997

1,08

2008

39.473

441

39.032

1,12

2009

40.709

442

40.267

1,09

2010

40.746

424

40.322

1,04

2011

42.544

437

42.107

1,03

2012

47.257

463

46.794

0,98

         

Periodo cumulato
1990-2012

847.331

7.304

840.028

0,86

Elaborazione Ufficio Studi CGIA su dati Istat

 

Note su gettito delle imposte ambientali per destinazione - In base alla destinazione del gettito vengono distinte due tipologie di imposte: (1) imposte specifiche, ossia “imposte di scopo” il cui gettito è destinato a finanziare spese per la protezione ambientale; (2) altre imposte ambientali, ossia imposte il cui gettito non è utilizzato per finanziare le spese per la protezione ambientale.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]