Giovedì, 06 Novembre 2014 17:39

Allarme Ocse, Eurozona in pericolo stagnazione. Lenta la ripresa dell’Italia

Scritto da

 

ROMA - L’Ocse oggi nel suo nel suo 'Preliminary Economic Assessment', il documento che anticipa lo 'Economic Outlook' che verra' diffuso a fine mese, ha sottolineato una netta frenata della crescita economica nell’Eurozona, parlando addirittura di un ‘pericolo di stagnazione’.

Il rallentamento secondo l’organizzazione parigina è avvenuto a causa delle ‘debolissime e instabili’ economie di Francia, Germania e Italia, nonostante alcuni Paesi sembra stiano cominciando invece a risalire la china."La crescita dell'Eurozona ha deluso in modo significativo negli ultimi anni. La spesa per consumi pro capite è al di sotto dei livelli di 10 anni fa, l'investimento privato è debole, i governi hanno ridotto la spesa e aumentato le tasse". Insomma in poche parole l’Ocse ritiene l’Eurozona l’anello debole dell’Economia globale e l’Italia è penultima tra le nazioni del G-20. L’organizzazione parigina ha previsto per l’Italia un lieve rialzo del Pil per i prossimi anni, con un progresso pari allo 0,2% nel 2015 e all’1% nel 2016. Ha inoltre promosso il Jobs Act di Matteo Renzi, considerandolo un possibile fattore determinante per la crescita e l’occupazione a patto che agli annunci seguano poi anche fatti concreti. Il presidente Angel Gurria, in riferimento al Jobs act ha infatti dichiarato  "In Italia è stata appena annunciata una vasta riforma del mercato del lavoro" e l'Ocse apprezza "la coraggiosa presa di posizione assunta dal premier" per superare tutti gli ostacoli incontrati sul percorso”. "La sfida chiave sarà far seguire agli annunci fatti un'applicazione di successo delle riforme già in cantiere".

Draghi:  crescita al ribasso, Bce pronta a misure non convenzionali se necessario

Nel frattempo il presidente della Bce Mario Draghi, nella riunione del board tenutasi oggi a Francoforte, ha dichiarato che le previsioni di crescita al ribasso sono sicuramente imputabili  a ‘rischi geopolitici’,  che minano la fiducia negli investimenti. La crisi in Medio Oriente, l’avanzata dell’Isis, la questione Ucraina- Russia, hanno infatti giocato ruoli determinanti e pesato notevolmente sulla possibilità di una ripresa economica nel breve periodo.  Ma non solo Draghi ha anche spiegato che sull’indebolimento delle crescita ha pesato notevolmente anche l’alto tasso di disoccupazione.

Tra gli interventi previsti dalla Bce  nell’immediato c’è l’acquisto di bond e Abs  che durerà due anni.  La Bce è "unanimemente" pronta a "ulteriori misure non convenzionali", anche se quelle già prese dovrebbero portare l'inflazione gradualmente verso il 2%. Tuttavia il consiglio Bce ha "dato mandato allo staff della Bce di preparare ulteriori misure, se necessarie". Ha sottolineato Draghi. L'inflazione dell'Eurozona dovrebbe restare sui livelli attuali nei prossimi mesi, risalendo gradualmente nel 2015 e 2016. Ma gli sviluppi dei prezzi dovranno essere monitorati "attentamente" dalla Bce. “Questi acquisti di asset avranno un impatto sui nostri bilanci che ci aspettiamo tornino ai livelli che avevano ai primi del 2012 e cioè intorno ai mille miliardi di euro”, ha precisato Draghi, concludendo che le comunicazioni di oggi e tutti i programmi di "espansione del bilancio" sono state "approvate all'unanimità dal direttorio della Bce".

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]