Mercoledì, 03 Dicembre 2014 01:00

Ast. Intesa raggiunta, nessun licenziamento. Landini: ”buon accordo perché cambia piano industriale” Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Intesa raggiunta sull’Ast di Terni. 36 giorni di sciopero e quasi 5 i mesi di trattative, ma alla fine le parti hanno firmato l’accordo, scongiurando licenziamenti. 

"290 esuberi lasceranno l'azienda con adesioni volontarie, incentivate".  E' previsto un piano di rilancio in 4 anni per garantire almeno 1 milione di tonnellate di fuso con 2 forni. La linea 5 da Torino, rettificata e completata entrerà in funzione all'Ast alla fine del 2016. Gli operai hanno finalmente tirato un sospiro di sollievo all’annuncio della firma.  Ora comunque lavoratori  daranno la loro valutazione. Sugli esuberi, non ci saranno licenziamenti con le uscite volontarie incentivate. Per quanto concerne la cassa integrazione, questa sarà ordinaria e non straordinaria per 2 anni e per un massimo di 400 addetti, mentre il salario accessorio subirà una decurtazione.  La "clausola di salvaguardia" per le ditte esterne e' stata accolta dopo numerosi "no". Il Governo da parte sua ha messo in campo una serie di misure che permetteranno a Ast di risparmiare fondi previsti per il  piano. La presidente dell'Umbria  Catiuscia Marini e il sindaco di Terni e presidente della Provincia, Leopoldo Di Girolamo, hanno garantito somme di denaro, provenienti dai fondi strutturali, per le aziende dell'indotto Ast

I Sindacati territoriali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm, Fismic e Ugl a fronte dell'intesa raggiunta, hanno dichiarato in una nota congiunta che saranno sospesi da subito i presidi alle portinerie ed è revocato lo sciopero a partire dalle ore 6 di domani 4 dicembre 2014. Domani si terranno le assemblee informative sui contenuti dell'ipotesi di accordo che comunque, sara' messa a votazione tramite referendum nei giorni prossimi. "L'ipotesi di accordo, frutto di giorni di mobilitazione e negoziato, recepisce parti significative delle proposte fino ad oggi sostenute dalle Organizzazioni sindacali e dai lavoratori. I contenuti del nuovo Piano e quanto sottoscritto - conclude la nota - saranno illustrati nelle assemblee informative che partiranno dalla giornata di domani. 

Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini lo ha definito un buon accordo perché cambia piano industriale. Non ci sono licenziamenti ma solo uscite volontarie "Io penso che l'accordo di oggi, ottenuto grazie alla strenua lotta dei lavoratori, sia buono perché ha cambiato radicalmente il piano industriale: si prevedono investimenti su quattro anni, due forni attivi e un milione di tonnellate d'acciaio". Così ha spiegato Landini:”Non ci sono licenziamenti ma solo uscite volontarie e sono anche tutelate le condizioni di lavoro perché si sono mantenuti aspetti salariali importanti"."Credo che grazie alla lotta dei lavoratori si siano realizzati tutti i punti importanti dell'accordo" ha insistito Landini, "anche perché siamo riusciti a migliorare la mediazione proposta dal Governo a ottobre. Ora questa ipotesi di accordo sarà sottoposta al referendum dei lavoratori". 

 
Read 2778 times Last modified on Mercoledì, 03 Dicembre 2014 18:07

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]