Mercoledì, 28 Gennaio 2015 21:36

Vertenza Milano 90. Prorogate le attività fino al 28 febbraio

Scritto da
Rate this item
(4 votes)

ROMA - Quattrocentoventisei persone ancora appese a un filo di speranza. Si tratta della vertenza che coinvolge ormai da lungo tempo, forse troppo,  i lavoratori della società Milano 90 srl, di proprietà dell’imprenditore Sergio Scarpellini, che gestisce i servizi (mensa, portierato, ristorazione, pulizia e altro ancora) per il Comune di Roma, per il Parlamento e  il Tar che da ottobre scorso, ha avviato una procedura di licenziamento collettivo.

La terza vertenza in Italia per impatto occupazionale dopo Meridiana e Ast di Terni, attualmente la prima nel Lazio, se si vuole considerare risolta o meglio sepolta la questione dei licenziati Alitalia.

Insomma stiamo parlando di  426  ‘dipendenti strutturalmente esuberanti’, su 476 complessivi. 

Lavoratori con diverse qualifiche, con un contratto inizialmente di tipo turistico, attualmente con contratto di solidarietà, operai  in  buona parte senza retribuzione dall’ottobre scorso.  Persone esasperate e senza prospettive appese per questo a un filo. Una vertenza che va avanti da tre anni e mezzo tra contratti di solidarietà in deroga, orari di lavoro ridotti al 50%, mobilità, stipendi non pagati e soprattutto tanta disperazione. 

Un dramma di cui non si è parlato abbastanza, forse perché ormai’ la parola ‘esubero’, tanto brutta quanto riduttiva, è divenuta parte integrante del nostro ‘sopravvivere quotidiano’ e  la perdita del posto di lavoro rientra nei rischi del vivere. 

Oggi per i dipendenti della Milano 90 scadeva la procedura di mobilità, dopo la quale ci sarebbe stato il baratro, ovvero il licenziamento. Lavoratori in qualche modo ‘senza voce’  per la poca attenzione mediatica che gli è stata prestata. Lavoratori che paradossalmente e nonostante la gravità della situazione, citando le parole pronunciate dal segretario generale della Cgil, Susanna Camusso che, giorni fa ha sollecitato l’urgenza di un tavolo interministeriale,  “hanno affrontato con straordinaria compostezza la vicenda, pur non percependo da mesi una retribuzione, che definire bassa è un eufemismo”. 

Oggi la questione non si è risolta definitivamente,  tuttavia dopo l’incontro presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Lazio, l’esito drammatico, almeno per ora, è stato scongiurato aprendo un piccolo spiraglio positivo. Una risposta che, seppur parziale e soprattutto temporanea, ha comunque portato alla proroga delle attività della società fino al 28 febbraio prossimo.

Entro questa data si definirà  la salvaguardia dei 426 posti di lavoro, ma soprattutto la sopravvivenza di queste persone ancora a rischio.

Read 2628 times Last modified on Mercoledì, 28 Gennaio 2015 21:36

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]