Mercoledì, 11 Marzo 2015 14:10

Bioeconomia. Italia terza in Europa

Scritto da

ROMA - La bioeconomia nei cinque maggiori paesi dell'Ue ha un valore che supera 1.200 miliardi di euro con quasi 7,5 milioni gli occupati complessivi.

In Italia il settore vale 241 miliardi di euro e circa 1,6 milioni di occupati. A renderlo noto è Materia Rinnovabile, il primo magazine interamente dedicato all'economia dei flussi di materia pubblicato da Edizioni Ambiente, attraverso uno studio del Centro Studi di Intesa Sanpaolo. Nella ricerca, la prima su questo settore realizzata da un privato, viene analizzato il settore della bioeconomia di Italia, Spagna, Francia, Regno Unito e Germania (i paesi della cosiddetta Ue5),

e stilata una speciale classifica della bioeconomia europea, dove l'Italia si piazza terza, preceduta da Germania, con un valore della produzione di 330 miliardi di euro, e Francia con un valore di 295 miliardi, e seguita da Spagna, 186 miliardi, e Regno Unito (155 miliardi). Per un totale di 1.200 miliardi di euro e 7,5 milioni di occupati (18 milioni gli occupati totali nei 27 paesi dell'Unione).

A livello globale le esportazioni mondiali di prodotti della bioeconomia, così come classificati dal Centro Studi di Intesa Sanpaolo, ammontavano nel 2012 -"ultimo anno con statistiche di commercio mondiale sufficientemente popolate", sottolineano i ricercatori - a 2.100 miliardi di dollari, ovvero l'11,4% del commercio mondiale, una quota in netta espansione rispetto all'8,9% del 2007. I prodotti alimentari, con quasi 1.850 miliardi, pesano per il 45% circa sul totale delle esportazioni. E la filiera agroalimentare nel suo complesso raggiunge i due terzi del totale, seguita dai biochemicals, che pesano per il 16% delle esportazioni. Un dato che conferma l'importanza che l'impiego delle fonti rinnovabili da parte dell'industria può avere sempre più in prospettiva. Tra i principali esportatori figurano gli Stati Uniti, la Germania, l'Olanda, la Francia a cui si aggiungono Cina e Brasile, con quote superiori al 4% del totale delle esportazioni mondiali. Il quadro appare differente dal lato delle importazioni: nel 2012 il principale importatore mondiale è stata la Cina, con una quota vicina al 10% delle importazioni complessive, in netta crescita rispetto al dato del 2008. Seguono i paesi del G7 e Olanda e Belgio.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]