Martedì, 14 Aprile 2015 21:27

Turismo. Domani lavoratori in piazza. Oltre 1 milione senza contratto Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Domani incorciano le braccia i lavoratori del turismo per chiedere il rinnovo del contratto nazionale del lavoro, scaduto da oltre 24 mesi.

Sono oltre un milione gli addetti dei pubblici esercizi, dei tour operator, delle agenzie di viaggio, della ristorazione collettiva e degli alberghi interessati dallo sciopero generale dei comparti turistici proclamato dai sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs.

La sottoscrizione del rinnovo del contratto, lamentano i sindacati, si è infatti solo registrata con le associazioni datoriali Federalberghi e Faita, mentre sono purtroppo ancora in fase di stallo le trattative avviate con le associazioni datoriali Fipe, Fiavet, Federturismo, Confindustria Alberghi, Angem, Alleanza delle Cooperative Italiane e  Confesercenti.

"Non è possibile -dice a Labitalia Pierangelo Raineri, segretario generale della Fisascat Cisl- che ci siano aziende che applicano il nuovo contratto e altre che non lo fanno. Ci aspettiamo una partecipazione allo sciopero il più alta possibile. Abbiamo chiesto alle parti di riaprire il confronto, anche perchè, dopo aver rinnovato il contratto del terziario, ci sembra il caso di chiudere positivamente anche questa partita. Anche considerando che a breve -continua Raineri- si aprono degli eventi importantissimi per il settore come l'Expo e il Giubileo". 

La protesta sarà rafforzata con lo svolgimento di tre grandi mobilitazioni. Sono Milano, Roma e Taormina le piazze che ospiteranno i cortei e i comizi sindacali, rispettivamente per i delegati elle Regioni del Nord, del Centro e del Sud Italia e dove si alterneranno gli interventi delle segreterie nazionali Fisascat Filcams e Uiltucs. "Abbiamo organizzato la giornata di domani -spiega Raineri- con un evento a Milano, dove si terrà Expo, uno a Roma, visto l'appuntamento del Giubileo, e un altro a Taormina, per porre in evidenza i problemi che devono affrontare i lavoratori stagionali".

"Lavoratori -conclude Raineri- che con la nuova Naspi avranno a disposizione un'indennità di disoccupazione ancora più ridotta che in passato. E inoltre con la normativa attuale per andare in pensione, servendo 40 anni di contributi, questi lavoratori dovrebbero lavorare  80 anni, visto che il loro è un impiego stagionale di 6 mesi".

Read 1715 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]