Mercoledì, 11 Maggio 2011 09:17

Telecom. Bernabè: "Brasile e Argentina sono per noi strategici"

Scritto da

BUENOS AIRES - «Telecom Italia non ha mai rinunciato all'Argentina e al Brasile, proprio i due paesi da dove ricomincia una fase di rilancio del gruppo»: lo ha ricordato il presidente Franco Bernabè, incontrando la stampa a Buenos Aires. «L'America Latina gode oggi, e sarà così in futuro, di un contesto economico favorevole», ha rilevato Bernabè, ricordando che la regione rappresenta «una straordinaria opportunità», anche sulla base della ricchezza delle materie prime dei paesi dell'area.

Ricordando in particolare l'Argentina, Bernabè ha sottolineato che il gruppo «è presente nel paese da tanti anni, fin dal 1990, e ci è rimasto nei momenti buoni e in quelli meno buoni», oltre a sottolineare «l'accordo raggiunto ad ottobre con i nostri partner, i Wertheim, che ci hanno portato al controllo di Telecom Argentina». Gli obiettivi per il futuro in Argentina, «uno dei mercati più sviluppati nelle telecomunicazioni nell'America Latina, sono quelli della crescita innovativa e del trasferimento delle competenze non solo dall'Italia all'Argentina, ma viceversa», ha sottolineato Bernabè, ricordando tra l'altro che «per le nostre campagne pubblicitarie abbiamo di recente preso dei creativi argentini: c'è in altre parole - ha concluso Bernabè - una grande sinergia e reciprocità».

«Brasile e Argentina sono mercati molto grandi che richiedono una forte concentrazione e rilevanti investimenti infrastrutturali», ha proseguito Bernabè, che si è poi soffermato sulle vicende giudiziarie del passato del gruppo, e cioè sulla lunga battaglia davanti ai tribunali di Buenos Aires con i soci Wertheim. «Abbiamo visto che in Argentina esiste una magistratura indipendente e la tutela del diritto degli investimenti esteri da parte dell'autorità giudiziaria», ha sottolineato Bernabè, rilevando che la vicenda dei mesi scorsi, conclusa a ottobre, «ha avuto un grande impatto mediatico ed è stata ad ogni modo combattuta con lealmente, dove ognuno ha fatto il suo mestiere: il governo ha tutelato la difesa della concorrenza, le autorità amministrative hanno svolto il loro ruolo, e l'autorità giudiziario ha garantito il rispetto del diritto». «Tutto ciò ci dà fiducia sul futuro dell'Argentina», ha concluso il presidente di Telecom Italia, che si è inoltre soffermato sull'inflazione, principale problema economico del paese sudamericano. «Da quello che vedo l'inflazione - ha precisato - non è in accelerazione. Nel nostro caso abbiamo fatto una valutazione attenta, e vediamo che in effetti rappresenta un fenomeno al quale dedicare massima attenzione ma non è un fenomeno che metta a rischio le prospettive di Telecom Italia».

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Coaching Cafè

Networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cos…

Non solo coaching: networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cose”. Appartenere ad una rete di contatti, costituisce oggi la base per molte delle nostre...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208