Mercoledì, 11 Maggio 2011 09:22

Grecia. Probabile pacchetto di aiuti europei da 60 miliardi

Scritto da

BRUXELLES - Per la Grecia è pronto un pacchetto di aiuti da 60 miliardi di euro. Questa la voce che è circolata ieri fin dalle prime ore del mattino e che, nonostante le smentite, sembra placare il mercato, almeno per il momento. Complice in buona parte anche il no categorico dell'Europa a una ristrutturazione del debito di Atene e i nuovi dettagli sul salvataggio in arrivo per il Portogallo, con il commissario Ue agli affari economici e monetari, Olli Rehn, che assicura «Non c'è nessuna crisi dell'euro».

E se proprio Rehn spiega che è «troppo presto per specificare le cifre» dei nuovi aiuti alla Grecia (anche Atene aveva subito smentito i rumors) in attesa dell'Ecofin del 16 maggio, l'euro trova lo spunto per avviare il recupero verso 1,44 dollari e il Tesoro ellenico chiude senza traumi un'asta di titoli a breve. Nel clima di confusione sulle prossime mosse Ue-Fmi, l'unica certezza è che l'Europa serra i ranghi contro la minaccia di un avvitamento della crisi del debito e attacchi della speculazione: Bce, Ue ma anche Francia e Germania escludono in modo categorico una rinegoziazione del debito greco e assicurano pieno sostegno ad Atene. Lorenzo Bini Smaghi del comitato esecutivo della Bce definisce un 'suicidiò l'ipotesi di una ristrutturazione del debito. Per Berlino una tale opzione «non èin discussione ed è speculativa» e la cancelliera tedesca Angela Merkel apre indirettamente la porta a nuovi aiuti: «ogni decisione arriverà dopo le valutazioni della 'troikà Ue-Bce-Fmi inviata ad Atene - ha detto - solo dopo si potrà decidere se, e cosa, dev'essere fatto». Una fonte del governo tedesco parla anche di una possibile «ridefinizione» dell'attuale piano di salvataggio greco e il ministro delle Finanze francese, Christine Lagarde assicura che la comunità internazionale «continuerà ad aiutare» Atene. Ma bisogna fare presto dice il premio Nobel all'Economia, Paul Krugman: la situazione greca «più a lungo resta irrisolta, minore è la speranza che la Grecia sia in grado di restare nell'area euro anche se lo volesse». I contatti si fanno più serrati: domani il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso vedrà a Berlino la Merkel per fare il punto soprattutto sulla crisi di Grecia e Portogallo. Giovedì toccherà al presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, mentre l'agenzia greca Ana-Mpa ha riferito di una telefonata, oggi, tra la cancelliera e il premier greco George Papandreou. Tutti sono consapevoli che per scongiurare una nuova ondata di attacchi speculativi bisogna dare al mercato cifre e tempi certi. Ne è stata una ennesima riprova l'effetto delle voci che quantificano in 60 miliardi di euro i nuovi finanziamenti con 27 miliardi destinati a copertura del fabbisogno greco 2012, e 32 miliardi per l'anno successivo. Tanto che all'indomani del taglio del rating di Atene da parte di Standard & Poor's, è andata meglio del previsto l'asta da 1,62 miliardi di bond a 6 mesi: Il rendimento medio è salito, ma di poco, rimanendo sotto la soglia del 5% (4,88%). Intanto si definiscono i termini del salvataggio del Portogallo da 78 miliardi di euro. Rehn fa sapere che il tasso di interesse applicato sarà «sotto il 6%» e auspica un via libera al piano all'Ecofin di metà maggio, sempre che gli euroscettici della Finlandia non si mettano di traverso.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]