Sabato, 11 Luglio 2015 12:12

Ikea, adesione massiccia allo sciopero in tutta Italia Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Negozi in difficoltà e lavoratori tutti fuori. Tante le iniziative fantasiose: dalla musica alle letture pubbliche, dai funerali al Contratto Integrativo Aziendale, ed anche cortei interni e cocomerate

 

ROMA - L’11 luglio 2015 sarà ricordato come il giorno in cui, per la prima volta in Italia, le lavoratrici ed i lavoratori di Ikea hanno scioperato, aderendo massicciamente alle iniziative e i presidi organizzati davanti a tutti i punti vendita. Alta adesione ovunque, volantinaggi , cortei e comizi e iniziative, per condividere le ragioni della protesta e sollecitare la solidarietà dei clienti. La giornata si preannunciava calda, e i sindacati hanno organizzato, oltre alle classiche forme di mobilitazione, iniziative fantasiose che hanno trasformato i presidi dei lavoratori in piccole feste, con intrattenimento per i bambini, musica e tanti sorrisi: molti clienti si sono lasciati coinvolgere e hanno solidarizzato con i lavoratori in sciopero, preferendo sostenere la loro lotta e rimandando a un'altra occasione la visita dentro lo store.

La nuova dirigenza Ikea, negli ultimi mesi, ha modificato l’atteggiamento verso i propri dipendenti e le organizzazioni sindacali, con la disdetta del contratto integrativo e la richiesta di diminuire o eliminare alcune voci retributive che determinano significativamente il salario dei 6mila dipendenti, per il 70% con contratti part time.

Al termine dell'incontro  del 3 luglio scorso, durante il quale si sono registrate distanze ancora troppo ampie fra le parti, le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, hanno proclamato lo sciopero di 8 ore, per contrastare il tentativo di Ikea di finanziare il proprio sviluppo mediante il taglio dei costi di staff.

 “Siamo molto soddisfatti della riuscita dello sciopero” afferma Giuliana Mesina segretaria nazionale della Filcams Cgil, “una risposta importante da parte dei lavoratori, un segnale forte e compatto nei confronti della dirigenza Ikea. Difficile per l'azienda non tener conto di questo collettivo di persone, così unito e solidale nel rivendicare i propri diritti. Auspichiamo adesso la ripresa di un tavolo di confronto equilibrato, che, tenendo conto del contesto, possa trovare soluzioni condivise, senza dover tagliare i salari dei dipendenti, già ai limiti della sostenibilità”.

Read 1671 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]