Venerdì, 18 Settembre 2015 17:31

Alitalia: Cassano si dimette da ad Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Silvano Cassano ha lasciato l'incarico di amministratore delegato di Alitalia.

E' quanto si legge in una nota della compagnia aerea in cui si sottolinea che la decisione "ha effetto immediato". Cassano, "che cessa il suo mandato per motivi personali, ha formalmente comunicato le dimissioni al consiglio di amminstsrazione in data odierna".  

"Con un secco comunicato, oggi il Presidente del gruppo Alitalia Sai, Luca Cordero di Montezemolo annuncia le dimissioni per ragioni personali dell'AD Silvano Cassano", ha commentato l'USB. "Al di là delle rassicurazioni date ai lavoratori, si tratta di una notizia che spiazza e desta inquietudine e preoccupazione. Questo terremoto negli assetti di governance del Gruppo Sai arriva a soli nove mesi dall'inizio dell'attività della nuova azienda. Il 4 giugno scorso, a valle di 2.551 licenziamenti della Cai, è stata lanciata la promessa di una “nuova Alitalia a 5 stelleproprio da Hogan e Cassano alla presenza di Renzi."

L’USB chiede ad Alitalia Sai di chiarire se si tratta di una riorganizzazione interna, quali siano “le strategie di trasformazione del business” annunciate da Montezemolo o se ci siano problemi diversi e se gli audaci progetti, fatti sulla pelle dei lavoratori mandati a casa, non stiano dando i risultati sperati, come si apprende da più fonti di informazione.

Sullo sfondo di questo scenario si staglia la drammatica vicenda di Alitalia Maintenance Systems, eccellenza della manutenzione tecnica aeronautica partecipata da Alitalia Sai, che in queste ore sta correndo verso un fallimento annunciato dopo che gli impegni presi dal gruppo giordano Panmed sono svaniti come neve al sole.

L’USB domanda al Governo che fine ha fatto il preliminare accordo per il salvataggio della AMS, promosso dall'allora Ministro Lupi, dalla Panmed e dalla Cai.

A distanza di sette anni dalla frantumazione della ex compagnia di bandiera Alitalia Lai continuiamo ad assistere al dissesto del tessuto tecnico e industriale del trasporto aereo e del valore delle produzioni di altissima specializzazione. Il Governo intervenga dunque con urgenza per dare un futuro al settore, partendo dai 240 lavoratori di AMS, per ricostruire quella parte dell'industria tecnica aeronautica che è stata orgoglio nazionale.       

Read 1633 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]