Lunedì, 12 Ottobre 2015 09:47

Alitalia. I dannati del Trasporto Aereo reclamano i loro diritti. Manifestazione al Ministero del Lavoro Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

 

ROMA - I lavoratori “dannati” del trasporto aereo, ovvero i cassaintegrati e gli esodati dell’ex compagnia di bandiera, si sono dati appuntamento il prossimo 14 ottobre sotto il Ministero del lavoro.  Dopo la riuscita manifestazione del 1 ottobre scorso all’aeroporto di Fiumicino Leonardo da Vinci, i lavoratori non accettano che cali nuovamente il silenzio sulla drammatica situazione in cui versano.

“C’è l’urgenza drammatica delle migliaia di lavoratori ex Alitalia Lai, quelli che hanno perso il posto di lavoro per le imprese di gente come Cimoli e Mengozzi, che continuano a non avere alcuna  prospettiva per il proprio futuro a pochi giorni dalla fine del sostegno al reddito”, denunciano in un comunicato unitario il Coordinamento Mobilitati del Trasporto Aereo, la Filt Cgil Roma e Lazio , l’USB Lavoro Privato, la CUB Trasporti e il Comitato CoRiSTA.

“Ci sono le macerie - continua la nota -  delle crisi di Argol e Groundcare composte da centinaia di lavoratori anche loro lasciati senza lavoro e senza approdo e da sempre senza l’adeguata copertura degli ammortizzatori. Ci sono i licenziati da Alitalia CAI del 2014, frutto dello splendido lavoro dei patrioti privatizzatori, ai quali sembra assicurato allo stato attuale di dover seguire il destino dei loro predecessori del 2008. C’è la questione grave che riguarda centinaia di precari, partendo da Alitalia che rischiano di non essere più richiamati per la fine del periodo massimo di contratti, senza la minima copertura di reddito e con il rischio di disperdere il patrimonio umano accumulato negli anni”.

E non è tutto, puntualizzano i lavoratori: “C’è la questione AMS, l’ultimo fallimento, che apre un grande interrogativo sul futuro di altre centinaia di operai specializzati e di un presidio industriale di alto livello dedito alla manutenzione di motori aeronautici. La somma di tutte queste crisi da il risultato di migliaia di persone e di famiglie ai quali non si è voluto dare una risposta, portati sul ciglio della miseria e della scomparsa sociale”.

“Questo dato impressionante è reso ancora più intollerabile dal fatto che l’aeroporto di Fiumicino è il più grande sedime industriale del centro sud previsto in crescita di passeggeri e di occupazione per i prossimi anni. Noi partiamo quindi dal fatto che il lavoro c’è, le risorse pure ma manca la volontà politica di mettere mano al far west di Fiumicino da Istituzioni che finora hanno fatto finta di non vedere cosa stava accadendo, mentre le aziende sono le prime a chiedere risorse pubbliche quando ne hanno bisogno e le prime a negare qualsiasi responsabilità sociale quando non gli serve”. 

Le rappresentanze dei lavoratori reclamano  3 punti fondamentali: “IL LAVORO per chi non ha altra prospettiva attraverso la messa in atto concreta dei progetti di ricollocazione attraverso i bacini, cosa finora pervicacemente negata nonostante anni di richieste; LA SALVAGUARDIA PENSIONISTICA per coloro che l’hanno maturata o che potrebbero riceverla successivamente; IL REDDITO per raggiungere questi obiettivi perché non si può chiedere a chi ha perso il lavoro per colpe non sue di rinunciare pure a vivere”.

Il 14 ottobre 2015 presso il Ministero del Lavoro di Via Fornovo in occasione della riunione per il Fondo di Solidarietà del Trasporto Aereo i lavoratori si sono dati appuntamento con l’intenzione che questa vergognosa vicenda trovi una soluzione adeguata allo sfacelo che è stato commesso.

Read 3036 times Last modified on Lunedì, 12 Ottobre 2015 09:47

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]